La rassegna stampa di martedì 02 febbraio

Scuola, Università e Ricerca: ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
La Stampa – Giannini: “Non è più un fatto locale ma un’emergenza nazionale” – La Mafia è come l’Isis e va combattuta su ogni fronte: l’intervista al ministro dell’Istruzione Stefania Giannini in risposta all’azione intimidatoria della ‘ndrangheta che ha bruciato 4 scuolabus a Locri.
Il Messaggero – Bestemmie in classe e botte agli alunni: arrestata a Modena una maestra d’asilo – Inchiodata dalle riprese nascoste dei Carabinieri, l’ex docente dovrà rispondere per i maltrattamenti perpetuati ai danni di bambini di appena 2 e 3 anni.
Il Fatto quotidiano – Scuola, già pronti migliaia di ricorsi contro il concorso – La pubblicazione del bando per l’assunzione di oltre 63 mila docenti nella Pubblica Istruzione continua a slittare, ma intanto associazioni di settore e sindacati hanno già preparato migliaia di ricorsi per tutelare tutti coloro ai quali verrà limitato l’accesso al concorsone.
Corriere della Sera – Studenti e atleti, lezioni a distanza e tutor contro l’abbandono scolastico – Presentato ieri il progetto che vede la collaborazione tra Miur, Coni e Figc per consentire agli atleti – studenti di conciliare passione sportiva e formazione scolastica.
La Repubblica – “Si alla manipolazione degli embrioni umani”: Londra, la svolta divide – Un team scientifico inglese ha ottenuto l’ok per avviare la sperimentazione genetica su embrioni umani. Una svolta attesa da anni, che però riaccende le polemiche intorno ai limiti, etici e scientifici, della ricerca genetica.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, Università e Ricerca: la rassegna stampa di lunedì 1 febbraio

Next Article

Puglisi: Non riformeremo l'Università

Related Posts
Leggi di più

Gli studenti rispondono a Bianchi: “Vergogna, bugiardo”

Non tarda a farsi sentire la reazione degli studenti alle dichiarazioni del Ministro, che ha dichiarato ieri di voler costruire una riforma della scuola in maniera “affettuosa". I sindacati verso lo sciopero del 30 maggio contro il decreto 36