La rassegna stampa di lunedì 24 agosto

Scuola, Università Ricerca: le notizie della giornata, selezionate per voi dalla redazione di CorriereUniv.
Il Sole 24 Ore – Stage in azienda, ecco la carta con i diritti e i doveri degli studenti – Alternanza, stage e tirocini: le nuove norme che tutelano e chiedono impegno ai ragazzi che si affacciano sul mondo del lavoro. Tutto quello che c’è da sapere nel focus del Sole 24 Ore.
Il Secolo XIX – Assunzioni scuola, corsa contro il tempo prima della campanella – In 70 mila hanno fatto domanda per i 55 mila posti disponibili, ma le procedure di immissione dovranno subire una forte accelerata se si vuole garantire il regolare inizio dell’anno scolastico.
Il Fatto quotidiano – Il mercato del lavoro non può fare a meno di studi umanistici – Si accende il dibattito intorno alla validità degli studi umanistici nell’attuale mondo del lavoro aperto dagli articoli di Stefano Feltri. Studiare Lettere e Filosofia ha ancora un senso nel 2015?
Il Tempo – “Io, maestra precaria buttata fuori” – Continuano le proteste dei precari della scuola: con la nuova riforma, infatti, coloro che hanno maturato 36 mesi di supplenza non potranno più accedere all’insegnamento e rischiano di rimanere tagliati fuori dalla professione finora esercitata.
Il Messaggero – L’intelligenza? E soltanto merito di una proteina – Altro che studi e predisposizione genetiche; alcuni ricercatori hanno appurato che l’intelligenza è direttamente legata alla produzione e all’assunzione di una specifica proteina.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Presentata l'Anagrafe dell'Edilizia Scolastica: 42 mila edifici censiti

Next Article

Abilitazione Scientifica Nazionale: al via la revisione del regolamento

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".