La Rassegna stampa di giovedì 9 aprile

Tante, e diverse le notizie di scuola, università e ricerca sui principali quotidiani di oggi. Cominciamo da #labuonascuola: Il Sole24Ore segue le audizioni in Parlamento della riforma, concentrandosi sul nuovo ruolo dei presidi: “C’è l’ok da parte dei dirigenti per la chiamata diretta dei prof”
Il Corriere del Mezzogiorno racconta dell’incontro che si terrà domani mattina in una scuola di Scampia tra gli studenti e il ministro Giannini, accompagnati da Raffaele Cantone. Il tema è quello della legalità.
Il Messaggero, nella sezione Cronaca di Roma, fa i conti sui nuovi asili: costeranno fino a mille euro in più per famiglia.
Ma ancora: lo studente che dalla Valle d’Aosta vola in Estonia per la finale delle Olimpiadi di Filosofia, le scuse dell’Esu per la mensa chiusa all’Università di Padova, Harold, l’immigrato che viene dalla Nigeria contesto dalle migliori università al mondo.
Leggi e scarica la rassegna stampa di oggi rassegna stampa 9 aprile

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cosa significa laurearsi in tempo di crisi?

Next Article

Donna, lavoratrice, fuori sede: l'identikit del laureato in Italia

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.