La RAI chiude “La storia siamo noi”

La-Storia-Siamo-Noi

Una trasmissione sulla storia che ha fatto la storia. La Rai ha deciso di chiudere definitivamente il programma di approfondimento “La storia siamo noi”, condotto da Gianni Minoli. L’idea, nata e sviluppata da Renato Parascandalo fin dal 1997, aveva portato nelle case degli italiani inchieste e documenti d’archivio, con la professionalità e la competenza dei giornalisti che vi lavoravano.

Dalla storia sociale dell’Italia fino ai grandi racconti sportivi, dalle ricostruzioni meticolose del passato fino ai viaggi nell’Italia dello sviluppo e del cambiamento. Dal racconto dei grandi personaggi storici fino all’analisi della società nella sua evoluzione.

Appena l’anno scorso il programma aveva vinto a New York l’History Makers International; nel 2007 e nel 2012 aveva vinto il premio come Miglior Regia Televisiva.

L’ultima puntata andrà in onda a fine giugno, poi tutto andrà dimenticato. “E’ veramente un delitto di stato”, “In Italia non esiste più Storia, ma solo gossip”, “Ma non vi vergognate?”, sono questi i commenti dei tanti delusi dalla decisione della Rai. Qualcuno, addirittura, avverte di non voler pagare più il canone.

“No comment” – non ha parole da aggiungere il direttore de “La storia siamo noi”, Gianni Minoli. Forse anche lui avrà pensato che, in Rai, vale più la diretta del matrimonio di Valeria Marini che un programma come il suo.

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Rilanciamo gli studi umanistici", la battaglia di Hollande

Next Article

Spara con una pistola ad aria compressa: "studenti fanno chiasso"

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"