La Puglia cerca Istruttori sportivi per le scuole

Giovani laureati o laureandi (all’ultimo anno di università) in Scienze Motorie o anche ex ISEF per attività nelle scuole primarie delle città di Molfetta, Ruvo di Puglia, Capurso, Noicattaro e Cassano delle Murge.

Il C.S.A.IN. (Centri Sportivi Aziendali e Industriali) del Comitato Provinciale di Bari, organo periferico dell’Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal CONI e di Assistenza Sociale riconosciuto dal Ministro degli Interni, cerca giovani laureati o laureandi (all’ultimo anno di università) in Scienze Motorie o anche ex ISEF per attività nelle scuole primarie delle città di Molfetta, Ruvo di Puglia, Capurso, Noicattaro e Cassano delle Murge.

L’attività da svolgere è quella di animatori e istruttori di attività ludico motoria e di avviamento alle discipline sportive soprattutto di atletica leggera, calcio, pallavolo, tennistavolo, basket, balli sportivi, orienteering, tiro con l’arco.

La collaborazione si svolgerà nel periodo scolastico da novembre 2012 a giugno 2013 e sarà rivolta a ragazzi e ragazze delle scuole primarie e medie di primo grado sia in orario curriculare che extrascolastico.

Gli interessati possono inviare il proprio cv entro il 15 novembre 2012a:
C.S.A.IN. Comitato Provinciale di Bari – Viale Papa Giovanni Paolo II, 61, o c/o casella postale n° 145 – 70056 Molfetta o all’indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Profumo a Trieste: incentivare la ricerca

Next Article

Nel “Piano europeo Crescita per il Sud'' né spazio né tempo per la ricerca

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.