La Provincia approva: “Sì ai preservativi a scuola”

preservativi-a-scuola

Approvato. La Provincia di Milano ha dato via libera alla mozione sulla diffusione di preservativi a scuola. La proposta, messa all’ordine del giorno già da dicembre, è passata con 20 voti favorevoli, 7 contrari e 5 astenuti.

Con l’approvazione della proposta si va, dunque, verso la diffusione di distributori automatici nelle scuole milanesi, con prezzi inferiori rispetto alla norma.

I presidi, però, dal loro canto si oppongono con forza. I direttori degli Istituti Berchet e  Parini, due dei licei storici di Milano, si sono schierati subito contro la proposta: a nulla è valso il tentativo di dialogo promosso dal Pd lombardo.

Ma anche tra gli insegnanti aleggia un sentimento contrario. “Mettere la macchinetta sarebbe solo un palliativo”, questa l’idea che circola maggiormente tra i docenti.

E dire che a Roma l’esperimento è andato in porto, come raccontano dall’Istituto Tasso e dal Keplero.

Sembra, comunque, che i tempi per la messa in pratica ufficiale del provvedimento vadano per le lunghe: ci vorranno mesi prima di scrivere gli atti deliberativi e l’amministrazione, oramai, è in scadenza.

Tutto ancora fermo, quindi. Stefano Fanti, dg del Gruppo Agenta, uno dei più grandi per la distribuzione di macchinette, avverte: “Non ci è mai arrivata una richiesta in tal senso anche se distribuiamo preservativi nei canali out door. Certo penso che sarebbe un’ottima iniziativa per sensibilizzare i nostri ragazzi alla prevenzione. Se ci arrivassero richieste in tal senso saremmo ben felici di supportare le scuole”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Insegnanti poco motivati, nel Galles studenti al di sotto degli standard

Next Article

UK-ITALY Business Awards- un premio speciale per Mosaicoon_CS‏

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.