La primavera comincia dall’inclusione

Il centro Sinapsi vuole abbattere le barriere fisiche, psichiche e sociali per favorire l’inclusione di tutti gli studenti universitari

La primavera della società parte dall’inclusione.

E’ questo il messaggio del centro per l’inclusione attiva e partecipata degli studenti (SInAPSI) dell’Università Federico II che oggi propone una tavola rotonda su “Il diritto alla formazione” presso l’aula Ciliberto del complesso di Monte S. Angelo.

La giornata di studi, che ha ricevuto l’adesione del Presidente della Repubblica, intende inoltre incontrare e informare studenti, docenti e studiosi sui numerosi servizi del Centro volti ad aiutare gli studenti a superare momenti di spaesamento e disagio.

“Il centro Sinapsi – spiega il direttore Paolo Valerio, nasce per favorire l’inclusione degli studenti universitari e abbattere tutte le barriere fisiche, psichiche e sociali. Due i settori d’intervento: la disabilità e il disagio”.  

“Molti giovani – continua il direttore – quando arrivano all’università vivono una situazione di estraniamento e sentono il bisogno di essere aiutati a comprendere un po’ meglio quali possono essere alcune soluzioni a loro sostegno sia sul piano emozionale che sul piano dei loro bisogni di apprendimento. I servizi pensati per loro non vogliono né stigmatizzare né troppo psicologizzare, ma accompagnare”.

Servizi del Centro SInAPSI:
– Per i nuovi iscritti, per chi desidera conoscere meglio i propri punti di forza e di debolez­za per affrontare con successo gli studi e realizzarsi, c’è il laboratorio del bilancio di competenze: un percorso auto-valutativo guidato e strutturato in diversi mo­menti dalla fase di accoglienza passando per quella di auto-valutazione e arrivan­do alla restituzione.

– Per studenti e docenti che abbiano assistito o preso parte a episodi di bullismo omofobico, per chi sente il bisogno di parlare di orientamento sessuale, ci sono gli incontri con uno psicologo e un portale, www.bullismoomo­fobico.it, che offre informazioni sulle tematiche.

– “Mappe e percorsi formativi per gli studenti universitari”è il ciclo di incontri per riflettere su motivazioni, emozioni, prospettive e capacità.

– Centro di Consultazione Psicologica (CPSU) un servizio strettamente riservato

– “Imparare ad imparare” rivolto agli studenti di tutti i corsi di laurea di base che abbiano maturato un ritardo nell’acquisizione dei crediti formativi per prevenire fenomeni di esclusione e dispersione universitaria.

www.sinapsi.unina.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Venerdì 23 marzo in tutta Italia si svolgerà L’urlo della scuola

Next Article

Oggi in tutta Italia si celebra la Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie

Related Posts
Leggi di più

Studente muore schiacciato da una trave d’acciaio: era all’ultimo giorno di stage gratuito in azienda

Lorenzo Parelli aveva 18 anni e ieri stava per completare il tirocinio in un'azienda meccanica della provincia di Udine dove viveva. La Procura adesso ha aperto un'inchiesta per ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. La Rete degli studenti medi attacca: "Non si può morire mentre si sta facendo quella che dovrebbe essere un'attività didattica"
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.