La libertà di essere europei

eu_ocse.gifI giorni 12 e 13 dicembre, presso l’Università degli Studi di Milano, si sono preparate le direttive che gli Stati membri dell’OSCE sono invitati ad applicare quando preparano leggi in tema di libertà di religione e di convinzione. È proprio questo il compito assegnato agli esperti dell’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa che si sono riuniti a Milano.
L’incontro, promosso dal professor Silvio Ferrari della facoltà di Giurisprudenza, ha visto al lavoro anche alcuni rappresentanti del Consiglio d’Europa l’organo che, con i suoi attuali 47 membri, da 60 anni favorisce la creazione di uno spazio democratico e giuridico comune in Europa.
Il Consiglio d’Europa è un’organizzazione internazionale il cui scopo è promuovere la democrazia, i diritti dell’uomo, l’identità culturale europea e la ricerca di soluzioni ai problemi sociali in Europa. Il Consiglio d’Europa fu fondato il 5 maggio 1949 col Trattato di Londra e conta oggi 47 stati membri.
La sede istituzionale del Consiglio di Europa è a Strasburgo in Francia. Lo strumento principale d’azione consiste nel predisporre e favorire la stipulazione di accordi o convenzioni internazionali tra gli Stati membri e, spesso, anche fra Stati terzi. Le iniziative del Consiglio d’Europa non sono vincolanti e vanno ratificate dagli Stati membri.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università: collaborazione con imprese e non profit

Next Article

Tirocini nel settore Itc varie sedi disponibili

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.