La fuga dei cervelli? Esiste anche in Germania

fuga dei cervelli

La fuga dei cervelli? Anche in Germania esiste. O così pare, secondo i dati: tra il 1996 e il 2011 per 19mila ricercatori arrivati nel Paese, più di 23mila sono emigrati. Ma c’è anche chi contesta i numeri. L’articolo di Tonia Mastrobuoni sulla Stampa

Dal prossimo autunno, il Nobel per la medicina Thomas Südhof tornerà per un po’ a Berlino, per approfondire studi sulle cellule del cervello all’Institut für Gesundheitsforschung (BIG) insieme ai ricercatori della Charité. La ministra per la Ricerca, Johanna Wanka (Cdu), ha espresso grande soddisfazione per questa “grande conquista” della ricerca tedesca. E ha aggiunto che l’arrivo del professore di Stanford dimostra “che la Germania è diventata estremamente attraente per i migliori ricercatori al livello mondiale”. Peccato che non sia vero.

Proprio in questi giorni un gruppo di esperti indipendenti ha consegnato al governo un documento che dimostra l’esatto opposto: anche la Germania è afflitta dal fenomeno ben noto anche da noi della “fuga di cervelli”. Il rapporto della “Expertenkommission Forschung und Innovation” calcola che tra il 1996 e il 2011 per 19mila ricercatori arrivati nel Paese, circa 23mila sono emigrati. E la differenza di qualità tra chi è arrivato e chi ha lasciato la Germania è notevole, dimostra il rapporto. “La mobilità internazionale della ricerca sta provocando una riduzione della qualità in Germania. I migliori se ne vanno e raramente tornano”. Le mete privilegiate sono gli Stati Uniti, la Danimarca, il Regno Unito o la Svizzera.

Tuttavia c’è chi contesta questi dati, obiettando che non sono aggiornati. Jürgen Mlynek, presidente della Helmholtz-Gemeinschaft, che con i suoi 36mila scienziati rappresenta la più grande comunità di ricercatori della Germania, sostiene che negli ultimi anni la comunità scientifica tedesca avrebbe conquistato “in molti settori il tetto del mondo”. In effetti, con la cosiddetta “Iniziativa per l’eccellenza” le università sono state dotate di maggiori fondi, undici atenei hanno ricevuto il titolo di “università di elite”, con risorse milionarie per la ricerca. E anche qui, come in Italia, sono state promosse iniziative per far tornare i ricercatori più bravi dall’estero, per arginare la “fuga dei cervelli”.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Regione Piemonte costretta a restituire due milioni di euro agli studenti: "Una grandissima vittoria"

Next Article

Disoccupazione, il dramma dei giovani: "Mai un tasso così elevato"

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.