La cultura italiana vola in Europa

libro2az.pngL’Italia e le sue forme artistiche invadono l’Europa. Il nostro Paese sarà presente all’interno della stagione culturale europea in Francia con una serie di eventi tra teatro, cinema, musica, libri. Nell’ambito dei concorsi promossi per giovani architetti su monumenti esistenti, “Interventi architettonici e patrimonio”, l’Italia presenterà il progetto per il monastero Santa Maria del Soccorso dell’Università La Sapienza di Roma.
Fra i “27 grafisti d’Europa” che hanno presentato un’opera sul tema del camminare e del movimento, in mostra agli aeroporti parigini di Roissy e Orly, c’è anche Lucia Pasqualin.
A Marsiglia una mostra su Andrea Mantegna sarà organizzata dal 22 settembre al 5 gennaio 2009; a Lione, al Museo dei tessuti e delle Arti decorative fino al 7 settembre, “Al tempo di Lorenzo il magnifico: tessuti italiani del Rinascimento (1450-1640)” e al Museo delle Belle arti ‘I disegni italiani del XVI/o e XVII/o secolo” fino al 29 settembre; ad Arles “La notte dell’Europa” propone con le foto diverse identità dell’Europa attraverso il lavoro di 81 artisti di cui molti italiani.
Le sale francesi di Europa Cinema hanno organizzato un ‘Tour de France dei 27 registi europei” e tra gli otto primi film selezionati che usciranno in Francia c’è anche “Gomorra” di Matteo Garrone. Del tandem Francia-Italia fa parte “Sguardi incrociati”: giovani artisti francesi e italiani selezionati tra i nuovi talenti del cinema, della danza, del teatro, delle arti plastiche, sono stati invitati a produrre cortometraggi con il cellulare girati a Roma e Parigi. I film saranno diffusi in internet su Youtube, DailyMotion, Google Video.
Nell’edizione 2008 del Festival di Avignone c’è la “Divina commedia” di Dante Alighieri, rivisitata da Romeo Castellucci. Presenti sulle scene teatrali i prossimi 17 e 18 ottobre anche la siciliana Emma Dante e Pippo Delbono a Chateauvallon, in Provenza.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Opportunità nel settore dell'edilizia

Next Article

Il jet-lag si sconfigge a tavola

Related Posts
Leggi di più

Mai avvolgerla nella plastica o tenerla in tasca: ecco i consigli degli esperti per l’utilizzo della Ffp2: “Se non riceve umidità può durare fino a 40 ore”

Obbligatoria per viaggiare sui mezzi di trasporto e necessaria anche per seguire le lezioni in classe o andare al cinema: la mascherina Ffp2 è uno strumento con il quale stiamo familiarizzando sempre di più in queste settimane. Conservarla correttamente è indispensabile per poterla utilizzare per più di un giorno. "Mai indossarla sopra a una chirurgica".