Jobberone, il social network che mette in rete il lavoro

Da un gruppo di giovani imprenditori e sviluppatori web nasce Jobberone, un nuovo social network interamente dedicato al mondo del lavoro. Alla base del portale, l’idea di agevolare l’incontro tra domanda ed offerta. <<Jobberone – spiegano gli ideatori del progetto, Michele Bertoli, Manuel Natale e Umberto Franchini – è la possibilità di poter dare un riscontro vero e concreto a chi sta cercando un impiego o del personale. Per questo ci rivolgiamo a tutti coloro che sono alla ricerca di un lavoro e alle piccole e medie aziende, che tramite questo portale potranno farsi conoscere ed apprezzare senza alcun costo>>.

Annunci, chat e video-chat per colloqui di lavoro, blog sulle problematiche del mondo del lavoro per incontrare e conoscere persone nuove, micro siti personalizzabili per mettere in mostra le proprie iniziative, sono solo alcuni dei tanti strumenti messi a disposizione sia su piattaforma web che mobile da questo innovativo strumento che sfrutta al meglio le piattaforme esistenti (dalla geoposizionamento grazie a Google Maps, alla possibilità di riprendere i propri studi e il proprio curriculum dai profili su Facebook e Linkedin, ai video su Youtube) senza entrare in contrapposizione con loro ma integrandole e completandole. Jobberone ora cerca aziende e imprenditori che vogliano utilizzarlo per assumere personale, in modo da essere veramente funzionale e utile ai tanti, soprattutto giovani.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Attenzione ai post!

Next Article

L'educazione al tempo dei Social

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.