ITS Day – Competenze per l’Italia 4.0

Apre il Sottosegretario Toccafondi
Presenti imprese, esperti, eccellenze degli istituti tecnici superiori
Dibattito su nuove competenze per il lavoro del futuro
Un incontro con esperti e imprese, per analizzare prospettive e cambiamenti del mondo produttivo alla luce del nuovo Piano nazionale per l’Industria 4.0. Un’occasione per definire strategie ed obiettivi degli Istituti Tecnici Superiori, deputati a fornire le nuove competenze necessarie al mondo del lavoro che verrà. Martedì 30 maggio, presso la Sala della Comunicazione del Miur, in viale Trastevere 76/a, si svolgerà la Conferenza nazionale “ITS Day – Competenze per l’Italia 4.0”, alla presenza del Sottosegretario Gabriele Toccafondi.
Profili altamente specializzati negli ambiti strategici prioritari per lo sviluppo economico del Paese. Definizione dei curricoli in sinergia con le imprese, per rispondere all’effettiva domanda di formazione. Il 50% dei docenti proveniente dal mondo del lavoro. L’80% dei diplomati occupato entro 12 mesi. Questi i risultati sui quali il sistema ITS può impostare la sua azione futura.
Oltre al Sottosegretario interverranno sul tema Marco Leonardi, consigliere economico della Presidenza del Consiglio dei ministri, Giovanni Brugnoli, vice presidente di Confindustria, Riccardo Giovani, direttore delle politiche sindacali e del lavoro di Confartigianato. Nel corso della mattinata, verranno presentati alcun progetti innovativi a cura degli ITS.
In allegato il programma completo.
L’evento sarà trasmesso in diretta streaming sul sito www.istruzione.it.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Piazza di Siena: Italia nella storia

Next Article

180 Dipartimenti di eccellenza, la graduatoria

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.