Italia & GB unite dalla Ricerca

handshake.jpgUn palcoscenico internazionale, luogo strategico per tessere nuove alleanze e rinsaldare antichi rapporti di collaborazione. Il ministro di Istruzione, Università e Ricerca Mariastella Gelmini è volata a Edimburgo per incontrare il suo collega britannico Paul Drayson, titolare del dicastero della Scienza e dell’Innovazione, prima di partecipare alla quinta edizione del Premio dell’Innovazione, un riconoscimento che ogni anno viene dato alle idee più innovative dei dipendenti del Gruppo Finmeccanica.
La vicinanza e la comunione d’intenti rappresentano le basi per intensificare i rapporti di cooperazione tra Italia e Gran Bretagna sui temi della ricerca scientifica e dell’innovazione tecnologica. In particolare è allo studio un progetto comune sull’energia, anche in vista dell’organizzazione del G8 della Ricerca in Italia.
Innovare per crescere. Il ministro Gelmini ha lodato, con una punta d’orgoglio tricolore, gli ottimi risultati raggiunti da Finmeccanica nel campo dell’innovazione: “Un’azienda internazionale di cui rivendichiamo con orgoglio l’italianità”. Sottolineando anche l’alto valore simbolico della location scelta per la consegna dei riconoscimenti: “Edimburgo una città di giovani che è anche gemellata con Firenze”. Invitando all’ottimismo: “In un momento di crisi è fondamentale investire in ricerca, proprio per il rilancio dell’economia”.
Verso il G8 della Ricerca. “Quest’anno abbiamo in Italia il G8 per la Ricerca, un’occasione importante per cercare di modificare la cultura che vede le risorse per la ricerca come spese in qualche modo improduttive. Occorre invece sviluppare una partnership ricerca/impresa, un binomio che dà risultati in altri paesi, e che non è un tentativo di privatizzazione. Dobbiamo rivedere i corsi di laurea e gli indirizzi, per generare occupazione”.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sicuri in sella, partnership Fmi-Miur

Next Article

Surf e sci a braccetto con l'ambiente

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).