Italia-Cina, summer school alla Bicocca

summer school alla Bicocca

Summer school alla Bicocca Una Summer School all’università Milano-Bicocca per mettere in contatto gli studenti italiani e quelli cinesi. È partita ieri, infatti la terza edizione di “Italy: worth knowing”, il progetto dell’ateneo lombardo che permette a un gruppo di ragazzi della Chongqing University di trascorrere un periodo di formazione e studio in Italia.

A partire dal 16 luglio e fine al 26 di questo mese, l’università milanese ospiterà 44 studenti asiatici, che saranno seguiti da tre accompagnatori e frequenteranno un ciclo di lezioni sul “Sistema Italia”. In particolare gli incontri saranno incentrati sul mondo della moda, sul sistema universitario e quello culturale italiano, nonché sullo stato della comunità cinese nel Bel Paese.

Previste anche occasioni di svago e attività integrative come le visite didattiche alle città di Como, Firenze e Roma.

Da quando è nato il progetto della Summer School Italia-Cina, nel 2010, l’Università di Milano-Bicocca ha ospitato complessivamente 210 studenti cinesi e ha dato la possibilità a 55 italiani di recarsi presso la Chongqing University, una delle realtà accademiche più vivaci del paese.

Un’iniziativa di successo, quindi, che punta a incrementare i contatti tra i due paesi partendo dai giovani e da una maggiore conoscenza delle rispettive culture.

Come ha affermato Fabio Corno, responsabile del progetto: “La Summer School offre la possibilità d’integrazione tra mondi profondamente diversi: gli studenti si avvicinano a una realtà economica e sociale radicalmente differente da quella di provenienza, attraverso un contatto diretto con la realtà e gli studenti italiani”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Insubria, al via le iscrizioni ai test d'ingresso

Next Article

Underground nel parco dell'Energie a Roma

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".