Il record di Carmelo Puglisi: laurea a 85 anni. “Non mi fermo, voglio la specialistica”

Carmelo Puglisi laurea a 85 anni

Si e’ laureato oggi all’universita’ di Messina a 85 anni l’avvocato Carmelo Puglisi, che ha conseguito il titolo di dottore in Storia con il voto di 105/110, con la tesi ”Agli albori dell’identita’ europea: romani e barbari nella Germania di Tacito”.

A 85 anni e’ il laureato piu’ anziano nella storia dell’ateneo peloritano e sarebbe il secondo in Italia, alle spalle di Anna Valanzuolo, neolaureata 86enne all’Università Federico II di Napoli.

Carmelo Puglisi, originario di S. Alessio Siculo, dove ancora risiede, aveva conseguito una prima laurea in Giurisprudenza nel 1961, sempre a Messina. ”Ho deciso di iscrivermi qui – ha spiegato – piuttosto che in altre Universita’, perche’ credo fortemente nel valore degli insegnanti di questa università”.

Ma la sua carriera universitaria sembra davvero destinata a non fermarsi qui. E nelle sue intenzioni c’e’ un altro record: il conseguimento della laurea specialistica.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dal cordone la possibilità di prevenire allergie

Next Article

ANVUR, presentati i risultati della valutazione della ricerca 2004-2010. Carrozza: "540 milioni agli atenei meritevoli"

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".