Il pasticciaccio delle graduatorie provinciali online: "Falle e piattaforma in tilt". E la domanda rischia la proroga

Della marea umana di precari della scuola solo meno di uno su tre è riuscito ad inviare la richiesta di entrare nelle graduatorie per l’assegnazione delle supplenze, scontrandosi con una piattaforma online non all’altezza delle aspettative. Dalle 15 del 24 luglio, due giorni dopo il via alle operazioni, secondo il Miur sono state inserite 129.495 domande e 39.929 erano state inoltrate.

A denunciare il malfunzionamento del nuovo sistema è Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda insegnanti: “La piattaforma telematica è andata in tilt, il numero verde è collassato, ci sono errori a iosa e nervi a fior di pelle: l’informatizzazione delle graduatorie provinciali per le supplenze si sta rivelando un flop sulla pelle, ancora una volta, dei docenti precari. Il sito sta implodendo a causa del sovraccarico di utenti perché, oltre alle operazioni relative alle graduatorie provinciali, su Istanze Online è in corso anche la presentazione delle istanze per le utilizzazioni e le assegnazioni provvisorie”.

Il segretario Cisl Scuola, Lena Gissi, lancia l’allarme: “Appare sempre più difficile che la scadenza programmata per il 6 agosto possa essere sufficiente ad assorbire senza problemi un numero di domande che supererà probabilmente il milione, in presenza di continui rallentamenti e disfunzioni del sistema“. L’USB prende di mira la ministra Lucia Azzolina: ” Il Ministro, come i precedenti, dimostrato capace solo di creare confusione, con un sistema totalmente nuovo e raffazzonato, costruito in pochissime settimane e che invece avrebbe chiesto, dato anche il volume di domande che arriveranno, un tempo molto più lungo e maggiore attenzione“

Mentre dal Miur minimizzano: Anche a viale Trastevere hanno dovuto ammettere qualche difficoltà: “Le segnalazioni ricevute relative ad alcuni problemi di accesso da parte degli utenti, sono state immediatamente risolte. La piattaforma per l’inserimento delle domande sta funzionando regolarmente e c’è comunque un costante monitoraggio per la risoluzione di eventuali problemi tecnici”. Pronta la risposta del ministero: “Sono disponibili, sullo spazio informativo dedicato presente sul sito internet del Ministero, dei tutorial per poter eseguire, passo dopo passo, l’invio della domanda. Infine, con riferimento alle polemiche su un possibile mancato collaudo del sistema, si precisa che il sistema è stato, ovviamente, collaudato prima dell’avvio della procedura”.

Marco Vesperini

Leggi Anche:

https://corriereuniv.it/2020/07/giampaolo-diaz/
https://corriereuniv.it/2020/07/scuola-presentate-le-linee-guida-per-settembre/
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il prof. Claudio Bartocci: "Più linguaggi si posseggono per interpretare il mondo e più chiavi si avranno per indirizzarsi con consapevolezza al proprio futuro."

Next Article

Carlo Ratti: “Le cose più belle accadono sui confini di ciò che già conosciamo.” 

Related Posts
Leggi di più

Tamponi a scuola, dal Governo arriveranno 92 milioni di euro ma i presidi attaccano ancora: “Le Asl non sono in grado di tracciare i contagi in classe”

Continua lo scontro tra il Ministero dell'Istruzione e i dirigenti scolastici ormai stremati dall'enorme carico di lavoro dovuto alla gestione dei casi Covid all'interno dei loro istituti. La sottosegretaria Barbara Floridia promette procedure più snelle e nuove risorse per far fronte all'emergenza. Giannelli (Anp): "Presidi ormai allo stremo".
Leggi di più

Si studiano le materie STEM e solo per quattro anni: nasce il Liceo per la Transizione ecologica e digitale

Si chiamerà T.E.D. ed è il nuovo liceo pensato dal Ministero dell'Istruzione per formare e preparare i ragazzi alle sfide che la transizione ecologica e digitale impone anche nel nostro Paese. Le scuole interessate da questa novità sono 27 in tutta Italia e collaboreranno con le università e le aziende del Consorzio Elis. Per iscriversi c'è tempo fino al 28 gennaio.