Hermes in-forma

Prosegue il viaggio in-formativo di “Hermes”: il 1 e 2 marzo workshop esperenziali contro il pregiudizio

Prosegue il viaggio in-formativo di “Hermes”, il progetto ideato e proposto dal Dipartimento di Teorie e Metodi delle Scienze Umane e Sociali dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II” e finanziato dalla Comunità Europea.

L’iniziativa, avviata nel maggio scorso in collaborazione con l’ Università Complutense di Madrid, l’University College Dublin School of Social Justice, e le associazioni “le Kassandre”, “Arcigay Napoli Antinoo” e “AGEDO Palermo, si propone di sviluppare, implementare e promuovere strategie di prevenzione e supporto a persone che sono vittima di discriminazione sessuale e di genere, con particolare riferimento a donne e popolazione GLBTQI.

Uniti contro il pregiudizio. Condividere il disagio della violenza” è il titolo dell’iniziativa che si svolgerà i prossimi 1 e il 2 marzo presso la Fondazione Forum delle Culture, Ex Asilo Filangieri in via Maffei 11. Si tratta di workshop esperenziali destinati a personale delle forze dell’ordine, rappresentanti delle associazioni territoriali, operatori sociali, personale delle istituzioni scolastiche, medici ed avvocati e a quanti, a vario titolo, intercettano episodi di violenza e sopruso legati al genere e all’orientamento sessuale.

La partecipazione all’evento è gratuita, occorre registrarsi all’indirizzo [email protected] entro il 28 febbraio. Modulo di registrazione.

Hermes. Guida ai servizi contro l’omofobia

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nasce il super-vetro che emette luce ultravioletta

Next Article

Università e Regioni per la crescita del Paese

Related Posts
Leggi di più

Università, Messa: “Episodi concorsi isolati”

"La comunità scientifica è una comunità sana. Ha anticorpia sufficienza per reagire e autoregolarsi, ma deve misurarsi tra le altre cose con una realtà che fatica a trovare il giusto equilibrio tra trazione e innovazione, e a definire cosa caratterizzi il merito in maniera obiettiva, rendendo prossima allo zero l'ineludibile discrezionalità della scelta", parole della ministra Cristina Messa