Guida ai servizi contro l’omofobia

Censiti sportelli di ascolto, centri per le famiglie, associazioni e comunità; una guida al servizio di chi ha bisogno di un sostegno e degli operatori del settore.
Giuseppina Tommasielli, Assessore alle pari opportunità del Comune di Napoli

Tutto comincia con un insulto, ancora peggio una battuta e una barzelletta, prime parole che creano la nostra identità” apre con le narrazioni di alcune testimonianze sull’omofobia a cura dell’attrice Cristina Donadio, la presentazione della mappatura dei servizi per la prevenzione e il contrasto della violenza verso il genere e l’orientamento sessuale.

Il lavoro, una guida ai servizi sul territorio campano, è stato presentato oggi presso l’ex asilo Filangieri, sede del Forum delle Culture, e si inserisce nel più ampio progetto “Hermes linking network to fight sexual and gender stigma” co-finanziato dal Programma Daphne III dell’Unione Europea e ideato dal dipartimento Teomesus dell’Università di Napoli Federico II in collaborazione con le Università di Madrid e Dublino e le associazioni Le Kassandre, Agedo Palermo e Arcigay Napoli.

Sportelli di ascolto, centri per le famiglie, associazioni e comunità; una trentina le realtà censite e raccolte in schede informative con recapiti, professionisti coinvolti e azioni promosse. Una guida al servizio di chi ha bisogno di un sostegno e degli operatori del settore. Previste in seguito attività di formazione a docenti, genitori, studenti, ma anche verso coloro che raccolgono le prime domande di aiuto come forze dell’ordine, operatori dei servizi socio sanitari e avvocati, spiega Annalisa Amodeo, psicologa clinica e coordinatrice del progetto.

“E’ un progetto molto importante – ha commentato l’Assessore alle Pari opportunità del Comune di Napoli Giuseppina Tommasielli – sono ancora troppi gli episodi di omofobia. Il Comune di Napoli, istituzione aperta e accogliente, ha presentato proprio qualche giorno fa il primo consultorio per la tutela della salute e dei diritti delle persone transessuali e istituito il registro delle Unioni civili, ma c’è ancora tanto da fare. Intendiamo essere capofila del protocollo d’intesa che vedrà Questura, Asl e ordini professionali in rete e operatori adeguatamente formati per la difesa e la sensibilizzazione su questi temi”.

“Omofobia è anche l’idea sbagliata di crescere dalla parte giusta della vita”

i.b.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Numero chiuso, Udu vince un altro ricorso

Next Article

Studenti Udu: diritto allo studio negato

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.