Gli scarabocchi degli studenti diventano arte: concorso Red Bull Doodle Art

Il concorso per gli universitari di tutto il mondo. I progetti giudicati in rete e da una giuria
Scarabocchi, disegni, schizzi fatti di nascosto dagli studenti di tutto il mondo durante le ore di lezione. Pensieri ed immagini su diari e agende ora diventano arte, creatività, espressioni di forme artistiche degne di un premio.
É il contest internazionale di Red Bull che premia i «doodle» più creativi. Più di 1500 gli studenti universitari in gara per partecipare alla finale mondiale della competizione dedicata alla creatività degli «scarabocchi» artistici. Sono stati oltre 1500 i doodle caricati sulla piattaforma ufficiale del Red Bull Doodle Art 2017.

I partecipanti verranno ora giudicati dagli internauti che fino al 10 aprile potranno votare il loro disegno preferito collegandosi al sito www.redbulldoodleart.com. I dieci progetti che avranno conquistato il maggior numero di preferenze verranno affidati ai giudici che, in base allo stile e alla creatività, decreteranno il finalista italiano che volerà in una location esclusiva per partecipare alla finale mondiale, insieme agli altri 39 primi classificati provenienti da ogni parte del mondo.
Il 2 maggio ci sarà un’ulteriore possibilità per partecipare alla Global Final: inviando all’account ufficiale Snapchat di Red Bull (@redbull) il proprio doodle disegnato con il cellulare sarà possibile essere selezionati come wild card. La sfida conclusiva sarà caratterizzata da un’innovativa esperienza in virtual reality, durante la quale i finalisti, dopo aver partecipato a un workshop sulla pittura in 3D, saranno in grado di realizzare il proprio disegno, grazie all’utilizzo della tecnologia Tilt Brush, il pennello virtuale di Google in combinazione con l’app HTC Vive.
Tutti i lavori saranno esposti all’interno di una Global Virtual Gallery aperta a tutti gli appassionati d’arte e una giuria internazionale eleggerà il vincitore assoluto della terza edizione del Red Bull Doodle Art 2017. «Vincere il Red Bull Doodle Art 2014 mi ha reso molto più sicuro del mio lavoro ha commentato Santanu Kaushik, studente indiano vincitore nel 2014 della finale mondiale a Cape Town Non ho mai frequentato scuole tecniche, ma ho imparato a disegnare da autodidatta, lottando a lungo per far valere la mia arte».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Rankings, sono davvero dei sistemi di valutazione affidabili?

Next Article

Convegno #EU60: i giovani e l'Europa

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.