Giovani e classica

Ieri presso la facoltà di architettura l’orchestra del San Carlo in “Il San Carlo per i giovani”

“Un’amicizia profonda quella tra la musica e l’architettura, una comune educazione al vuoto e spazi di risonanza”. Poetiche ed efficaci le parole di Donatella Mazzoleni docente di progettazione urbana e di urbanistica presso la Facoltà di Architettura della Federico II di Napoli durante la rassegna d’apertura “Il San Carlo per i giovani”.
Una serata all’insegna della musica classica che si è tenuta ieri presso l’aula Carlo Cocchia e che ha ospitato una parte dell’orchestra del teatro San Carlo. “La formazione di un soggetto passa attraverso la musica ed è quindi compito dell’università farsi carico di questa esigenza di crescita” ha dichiarato Mario Rusciano vice-presidente del Polo delle scienze umane e sociali. Giovanna Tinaro pianista classica, musicologa e cultural manager ha raccontato la storia del teatro accennando all’effetto di “stordimento” che esso può dare, chiamato “Effetto San Carlo”. Massimo Lo Iacono docente di latino e greco ha spiegato la sua indignazione per la scomparsa dell’insegnamento della musica classica dalla riforma Gentile in poi.
L’orchestra di soli archi diretta dal Maestro Virginio Giorgioni ha eseguito un repertorio che va dal 1720 al 1875 con musiche di Vivaldi (La Primavera I movimento delle Quattro Stagioni) Mozart (Divertimento k 136 I movimento), Dvorak (Serenata in mi maggiore 1°mov), e Verdi (La Traviata, preludio atto I) concedendo anche l’acclamato bis alla platea di studenti e professori.
Lo scopo è avvicinare i ragazzi alla musica colta e il teatro sta offrendo in proposito nuove tariffe agevolate per tutti gli under30: Card4 Giovani Sinfonica è infatti la special card con cui sarà possibile assistere a quattro concerti a scelta. Per ulteriori informazioni consultare il sito www.teatrosancarlo.it.
Martina Gaudino

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Animatori polivalenti in Spagna

Next Article

Sopravvivere? No

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".