Giornalisti al Parlamento Europeo

Tirocini retribuiti di giornalismo presso il Segretariato Generale del Parlamento europeo. Aperte le candidature.

Il Parlamento europeo per facilitare la conoscenza delle istituzioni europee e favorire la formazione professionale, offre diverse opportunità di tirocini (retribuiti e no) presso il  Segretariato generale e visite di studio.

Gli ambiti di interesse lavorativo sono i seguenti: tirocini opzione generale, tirocini opzione giornalismo, e tirocini per traduttori.

I tirocini retribuiti sono concessi unicamente ai laureati di università o di istituti equivalenti. Il loro scopo è quello di permettere ai tirocinanti di completare le conoscenze che hanno acquisito nel corso dei loro studi e di familiarizzarsi con le attività dell’Unione europea e in particolare del Parlamento europeo.

Di seguito la descrizione dei tirocini opzione generale e giornalismo.

Opzione generale o di giornalismo (Borse di studio Schuman) – Tirocini retribuiti

I candidati ai tirocini Robert Schuman, opzione generale, devono altresì provare di aver elaborato, contestualmente a un diploma universitario o per una pubblicazione scientifica, un lavoro scritto di una certa consistenza.

Uno di questi tirocini, denominato “borsa Chris Piening”, potrà essere assegnato a un candidato il cui lavoro sia stato consacrato in particolare alle relazioni tra l’Unione europea e gli Stati Uniti.

I candidati ai tirocini Robert Schuman, opzione giornalismo, devono inoltre avere una competenza professionale comprovata da pubblicazioni, o dall’iscrizione all’ordine dei giornalisti di uno Stato membro dell’Unione europea, o dall’acquisizione di una formazione giornalistica riconosciuta negli Stati membri dell’Unione europea o negli Stati candidati all’adesione.

La durata dei tirocini retribuiti è di cinque mesi.

Date di inizio del tirocinio e scadenze per il ricevimento degli atti di candidatura
Inizio del tirocinio Data di iscrizione
1° marzo dal 15 agosto al 15 ottobre alle 24.00
1° ottobre dal 15 marzo al 15 maggio alle 24.00

Tenuto conto del considerevole numero di candidature, si consiglia di non attendere l’ultimo giorno della data di iscrizione per inoltrare la propria candidatura, così da evitare la saturazione del sistema.

MODALITÀ DI ISCRIZIONE

Se siete interessati a un tirocinio retribuito, siete pregati di leggere le norme interne relative ai TIROCINI EUROPEI.

Se rispondete alle condizioni di ammissione, siete pregati di compilare l’atto di candidatura on-line.

Tenete presente che se lasciate inattivo l’atto di candidatura per 30 minuti, i dati inseriti andranno perduti.

Vi consigliamo pertanto di leggere attentamente le “norme interne relative ai tirocini e alle visite di studio presso il Segretariato generale del Parlamento europeo” prima di compilare l’atto di candidatura.

L’iscrizione non si può modificare on-line e si compie in un’unica tappa. Per aiutarvi a preparare il vostro fascicolo prima dell’iscrizione on-line, avete a disposizione una copia stampabile dei modelli di formulari per tirocini retribuiti e non retribuiti.

Dopo aver compilato l’atto di candidatura, dovete stamparne la sintesi e assicurarvi che l’atto sia completo prima di inviarlo.

NB: Gli atti di candidatura incompleti saranno automaticamente respinti.

Dopo aver confermato/inviato l’atto di candidatura on-line, riceverete un messaggio di conferma automatico al vostro indirizzo e-mail. Il messaggio contiene un numero di conferma che dovrete indicare in tutte le future comunicazioni concernenti il tirocinio, nonché il link alla sintesi del vostro atto di candidatura on-line in formato pdf, di cui sarà richiesta una versione cartacea qualora vi sia offerto un tirocinio.

Per procedere alla candidatura e avere maggiori informazioni, cliccare sul sito del Parlamento Europeo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il Miur proroga i rettori e nasce il movimento contro l’attaccamento alla poltrona

Next Article

Traduttori al Parlamento europeo

Related Posts
Leggi di più

Il mondo della comunicazione è sempre più giovane: il 53% degli occupati è under 35

Un dipendente su due che lavora nel mondo della comunicazione ha meno di 35 anni. E' quanto emerge da un'indagine condotta su un campione di 172 aziende e condotta da Una, Aziende della comunicazione unite, e Almed, Alta Scuola in Comunicazione, Media e Spettacolo, dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Negli ultimi anni c'è stato un calo dell'occupazione femminile.