Gelmini, metà posti ai docenti precari, metà ai giovani

Durante la manifestazione “Dedalo”, campus di formazione promosso dalle associazioni universitarie del Pdl, la Gelmini ha dichiarato che il il 50% dei posti riservati ai docenti di scuola secondaria, andrà agli insegnanti in graduatoria da tempo, ma un altro 50% va riservato ai dcoenti in graduatoria e il 50% ai giovani più capaci e meritevoli.

Durante la manifestazione “Dedalo”, campus di formazione promosso dalle associazioni universitarie del Pdl Azione Universitaria e Studenti per la Libertà,  tre giornate  di convegni  e assemblee, con esponenti del partito per approfondire tematiche relative ai giovani, il Ministro  dell’Istruzione, Mariastella Gelmini ha annunciato che il 50% dei posti  riservati ai docenti di scuola secondaria,  andrà agli insegnanti in graduatoria da tempo, ma un altro 50% va riservato ai giovani più capaci e meritevoli.

Nell’ambito del dibattito  “Università e post-laurea”, il Ministro non ha mostrato esitazione nel dichiarare che “il 50% dei posti deve andare agli insegnanti che sono in graduatoria da tempo, ma un altro 50% deve essere riservato ai giovani più capaci e meritevoli”. Dalle parole del ministro giunge quindi la conferma della stabilizzazione professionale per i vincitori dei concorsi a numero chiuso usciti dai nuovi percorsi abilitanti.

Gli insegnanti formati con i nuovi percorsi abilitanti corrispondono a quegli studenti che hanno conseguito la laurea magistrale, e lo svolgimento del TFA (Tirocinio Formativo Attivo) che si realizza nelle scuole. L’attuazione del nuovo percorso abilitante  dovrebbe entrare a regime a dicembre 2011.

Ritorna dunque in discussione l’azzeramento delle Gae (graduatorie dei docenti ad esaurimento), poiché la “spartizione” dei posti tra nuovi e vecchi docenti, comporterà inevitabilmente l’esclusione di un numero consistente di insegnanti veterani, ma precari.

Il Ministro ha ribadito che “dobbiamo assorbire il precariato – ha spiegato – ma non possiamo penalizzare le giovani generazioni, si devono programmare gli ingressi”. Solo così, per il Ministro, si potrà contenere il numero dei precari.

Total
0
Shares
3 comments
  1. I vecchi precari non sono ancora morti,le nuove domande di terza fascia isegnanti
    e personale ata sono una grande presa per il paràpapàpapapàsapendo che anche
    quelli di ruolo sono perdenti posto e anche di prima fascia.
    Antonio Bonario.

  2. Quando Pensate di fare lavorare i giovni,ci sono graduatorie da far paura.
    cosa può fare capuccetto rosso?nemmeno la lampada di aladino: o s.Pio può fare il
    miracolo.
    La moltiplicazzione dei pani e dei pesci ,o la trasformazione dell’acqua in vino non
    basterà più:il vero miracolo è che questo gerno di berlusconi ci ha deluso un milione
    di posti di lavoro sblaterava nel 92 e invece sta licenziando tutti.Capucetto rosso
    e diventato il lupo.
    Antonio Bonario.

Lascia un commento
Previous Article

Dottorati in Sociologia

Next Article

Workcamp 2011 per le scuole di Palermo

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).