Gelmini: disposta a collaborare con l'opposizione

gelmini2.jpgContinua per la sua strada Mariastella Gelmini. Sul fronte dell’università “bisogna avere il coraggio di voltare pagine. E mi piacerebbe farlo collaborando anche con l’opposizione”. È quanto ha affermato il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, intervenendo a “Mattina 5”, la quale ha assicurato di avere rispetto delle inquietudini dei giovani che in questi giorni hanno protestato e della loro ansia per un futuro incerto.
Ma la Gelmini è anche convinta che sulla protesta ci sono state strumentalizzazioni politiche. “Per tutelare il prestigio dell’università italiana – ha detto – abbiamo il dovere di intervenire laddove ci sono storture evidenti. Per questo ho previsto, all’interno del decreto legge appena varato, di intervenire sui concorsi già banditi, seppure in maniera limitata per evitare ricorsi. Ho introdotto la modalità del sorteggio per comporre le commissioni allo scopo di garantire più trasparenza. Abbiamo anche il dovere, però – ha continuato – di intervenire sugli sprechi”, ricordando che in Italia c’è il doppio dei corsi di laurea rispetto alla media europea e ben 320 sedi universitarie distaccate.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Posti nell’ufficio acquisti per giovani con esperienza

Next Article

Roma, stage nelle telecomunicazioni

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".