Game of research, il mondo della ricerca incontra i futuri medici veterinari

Dopo il successo nelle edizioni di Perugia e Bologna, l’evento approda a Torino nell’accattivante contesto tematico della serie televisiva “Game of Thrones”

Domani, giovedì 16 dicembre, dalle 8.30 alle 18 al Dipartimento di Scienze Veterinarie (DSV) dell’Università di Torino, si terrà la prima edizione torinese di Game of Research. Richiamando il contesto tematico della popolare serie televisiva «Game of Thrones», l’evento promuove l’incontro tra studenti, dottorandi e ricercatori e ricercatrici, stimolando il confronto sui temi di ricerca più attuali che oggi caratterizzano le Scienze Veterinarie. Game of Research si propone come contenitore in cui scambiare idee, conoscenze, contatti, dove stringere nuove collaborazioni in vista di progetti di ricerca sempre più multidisciplinari.

L’evento, nato a Perugia nel 2017 ed esportato quest’anno anche a Bologna, è organizzato dai più giovani componenti del DSV, con un’ampia partecipazione studentesca, tanto tra il pubblico quanto nel Comitato organizzativo. L’iniziativa è supportata dal Direttore del DSV, il Prof. Domenico Bergero, dalle Commissioni Ricerca e Terza Missione e dal Corso di Dottorato di Ricerca in Scienze Veterinarie.

La prima edizione torinese di Game of Research intende confermare il successo delle edizioni perugine e bolognesi: si presenterà come la prima occasione per riunire in presenza i giovani professionisti del settore, garantendo spazi espositivi e aule spaziose, al fine di favorire la divulgazione e il confronto sulle principali tematiche di ricerca del Dipartimento: dalla Clinica alla Microbiologia, dall’Epidemiologia alle Malattie infettive, dalla Sicurezza alimentare alla Zootecnia, dalla Genetica all’Anatomia patologica.

L’evento prevede spazi dedicati alle comunicazioni orali e spazi per i poster. Sarà possibile alternare gli interventi degli “invited speakers” a quelli dei giovani ricercatori e delle giovani ricercatrici. Si prevede inoltre di dedicare spazi espositivi per gli sponsor maggiori.

Per incentivare un’ampia partecipazione, alla componente studentesca sarà garantito uno “student corner” tra i posters, ovvero uno spazio interamente dedicato all’esposizione delle ricerche dei giovani tesisti e delle giovani tesiste del DSV. Saranno inoltre garantiti premi per i migliori contributi e gadget per tutti i partecipanti.

Total
4
Shares
Lascia un commento
Previous Article

5,4 miliardi per detassare i redditi degli under 30: l'emendamento in legge di Bilancio del senatore Richetti (Azione)

Next Article

Il discorso di J. K. Rowling ai neolaureati: "Non abbiate paura di fallire"

Related Posts
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.