“Frutta nelle scuole”, due bambini intossicati nel casertano

Frutta  nelle scuole

Dopo lo scandalo delle mozzarelle di bufala alla brucellosi, alterate con un agente chimico per nascondere il batterio, ma deleterio per la salute umana, un’altra vergognosa vicenda arriva dal casertano, questa volta riguarda i bambini di una scuola elementare rimasti intossicati dopo aver mangiato frutta nell’ambito di un progetto mirato a sensibilizzare i minori a nutrirsi di frutta.

Due bambini di Carinola, nel Casertano, sono finiti in ospedale. Dieci i piccoli che hanno riscontrato lievi sintomi dovuti a una reazione allergica, ma per due di loro è stato reso necessario il ricovero per una sospetta intossicazione. L’episodio presso l’istituto comprensivo ‘Carinola-Falciano’ di viale dei Ciliegi.

I piccoli avevano consumato della frutta distribuita nell’ambito del progetto `Frutta nelle scuole’ da parte di una ditta del Napoletano. I bambini sono stati accompagnati dai rispettivi genitori presso varie strutture sanitarie della zona per controlli. Due di loro sono stati trattenuti presso il reparto pediatria dell’ospedale civile San Rocco di Sessa Aurunca poiché affetti da `reazione allergica da sospetta intossicazione’ senza essere, però, in pericolo di vita. Il personale docente ha allertato i carabinieri della locale Stazione di quanto avvenuto. I militari dell’Arma hanno sequestrato gli alimenti non consumati e avviato un’indagine in collaborazione con il personale dell’Asl e dell’Arpac di Caserta.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Grecia, video porno in diretta al Tg

Next Article

Ancora violenza sui bambini in asilo: maestra arrestata

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident