Francia: scuole cattoliche in piazza contro le nozze gay

In Francia anche le scuole cattoliche si schierano contro l’imminente legge sul matrimonio da parte di persone dello stesso sesso. Il segretario generale dell’Insegnamento cattolico, Eric de Labarre, ha inviato una lettera ai presidi di 8.300 scuole private cattoliche per sensibilizzarli su questo argomento.

”Ogni scuola puo’ prendere le iniziative localmente piu’ adatte per consentire ad ognuno l’esercizio di una liberta’ illuminata rispetto alle scelte attualmente allo studio dei poteri pubblici”, afferma de Labarre. Nella missiva, il numero uno dell’Insegnamento cattolico ribadisce anche la sua posizione ufficiale per ”il diritto essenziale del riconoscimento della differenza dei sessi”. ”Non chiediamo di andare a manifestare, vogliamo solo creare una cornice.

Visto che non c’e’ alcun dibattito, la nostra responsabilita’ di educatori e’ aiutare un’assunzione di coscienza”, aggiunge. A fine novembre, i genitori di una studentessa di un liceo cattolico di Cannes avevano allertato il rettore accademico di zona per un ”violento discorso ” contro la legge sul matrimonio gay, pronunciato da un prete durante i corsi obbligatori di educazione civica. Il dibattito divide i francesi: almeno 60 mila persone hanno manifestato domenica scorsa a Parigi a favore del progetto di legge. Una nuova manifestazione, questa volta organizzata dalle associazioni contrarie, si terra’ il prossimo 13 gennaio.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Arriva un farmaco contro l'irrigidimento delle valvole cardiache

Next Article

USA: Prof a scuola di armi per difendersi dagli attacchi

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"