food4minds: dall’alternanza alla sinergia scuola-lavoro

Il progetto di Manageritalia ha coinvolto nel 2016/2017 quasi 100 studenti di tre scuole superiori e 3 aziende milanesi e lombarde e ha visto i manager fare da ponte tra scuola e lavoro per portare in classe le competenze oggi richieste dal mercato. Questa la vera novità per colmare l’annoso gap e avere giovani in linea con le esigenze delle aziende. Grande successo e entusiasmo da parte di studenti, docenti, manager e istituzioni. Ora food4minds vuole diventare un’iniziativa nazionale.
“Il progetto food4minds promosso dal Gruppo donne manager di Manageritalia Milano – ha detto Marisa Montegiove, coordinatrice del gruppo – è molto di più di un’alternanza scuola-lavoro, perché mette in sinergia questi due mondi facendoli dialogare sulle competenze richieste dal mercato con i manager a fare da ponte”.
Il progetto durato oltre un anno, negli anni scolastici 2015/2016 e 2016/2017, ha coinvolto 100 studenti del 4° e 5° anno di 3 scuole superiori abbinate a 3 aziende. In particolare il Liceo scientifico Setti Carraro di Milano abbinato ad Adecco; l’Istituto professionale alberghiero Carlo Porta di Milano abbinato alla catena alberghiera Enteprise Hotel; l’Istituto tecnico industriale Leonardo da Vinci di Carate Brianza abbinato alla azienda meccanica Nadella.
Gli studenti hanno riportato testimonianze positive: “Finalmente siamo passati dallo studio puro all’applicazione di quanto imparato in casi concreti di lavoro, non solo una visita o permanenza in azienda”, “ho ampliato il mio orizzonte lavorativo vivendo esperienze concrete e pratiche che mi hanno coinvolto in prima persona”, “fare un progetto concreto e lavorarci in gruppo, capire i vari ruoli, come lavorare insieme e risolvere problemi reali lavorando”. E poi l’efficacia delle competenze: “Ho scoperto la necessità di cosa saper fare e come agire sul lavoro, cose sconosciute sino ad oggi. Lavorare in gruppo, fare un colloquio di lavoro, dialogare con colleghi per arrivare a un obiettivo comune”. Poi importante ed esilarante: “Noi siamo digitali dalla testa ai piedi, sappiamo divertirci e relazionarci molto bene, ma non abbiamo idea di come il digitale serva per lavorare. Ora applicheremo le nostre indubbie abilità e curiosità digitali e social anche a questo”. Ultimo, ma non per ultimo: “Nell’alternanza scuola-lavoro quando siamo in azienda non siamo molto seguiti, qui i manager sono stati con noi, abbiamo lavorato e applicato le competenze che servono e che non conoscevamo, eravamo insieme a fare squadra. Un’esperienza davvero nuova”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di giovedì 6 aprile

Next Article

Migliori giovani università al mondo: la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa guadagna posizioni nella top ten 2017

Related Posts
Leggi di più

Ue, quattro scuole italiane vincono il premio per l’insegnamento innovativo

Annunciati i vincitori dell'edizione 2022 del Premio europeo per l'insegnamento innovativo EITA- European Innovative Teaching Award: sono l'Istituto tecnico agrario “A. Trentin” di Lonigo (Vicenza), la scuola secondaria Statale di Primo Grado "G.Bianco- G. Pascoli" di Fasano (Brindisi), l'Istituto comprensivo "D'Azeglio-Nievo" di Torino e "Ettore Guatelli" a Collecchio (Parma). Il 25 ottobre la consegna dei premi a Bruxelles.