Fondazione Mario Formenton: borse di studio da 14 mila euro per aspiranti giornalisti

La Fondazione Mario Formenton mette a disposizione anche per quest’anno, 4 borse di studio del valore di 14 mila euro ciascuna per il perfezionamento giornalistico di giovani under 30.
In particolare, 2 borse di studio copriranno stage di specializzazione e perfezionamento per giornalisti (professionisti, praticanti, pubblicisti); le altre 2, stage di formazione, specializzazione e perfezionamento per amministratori di società editoriali.
L’assegnazione delle borse di studio comporta per 9 mesi l’obbligo di frequenza delle aziende giornalistiche italiane o straniere alle quali i borsisti saranno destinati. Il periodo in cui si svolgeranno i tirocini in redazione andranno dal 1° maggio 2016 fino al 28 febbraio 2017.
Requisiti indispensabili per partecipare alla selezione sono: non aver compiuto il 30° anno d’età (alla data del 31 ottobre 2015); essere in possesso di diploma di laurea riconosciuto in Italia e conseguito con votazione non inferiore a 100/110 o equivalente; per l’indirizzo giornalistico: essere iscritti negli albi dei giornalisti e pubblicisti e nel registro dei praticanti o elenco dei giornalisti stranieri (alla data di presentazione della domanda); avere un’ottima conoscenza di almeno una lingua straniera e, per gli stranieri, della lingua italiana.
Sono esclusi dalla partecipazione coloro che abbiano già conseguito borse di studio Formenton, della FIEG e/o della FNSI.
Le prove di esame, cui saranno ammessi non più di 40 candidati individuati dalla Commissione Tecnica, si svolgeranno in un’unica giornata, il 1 marzo 2016, e consisteranno in due prove scritte a scelta fra le tre proposte:
Per l’indirizzo giornalistico:
– articolo;
– prova di sintesi di un lungo articolo;
– prova di attualità e di informazione (domande con risposta scritta);
Per l’indirizzo gestionale amministrativo:
– prova scritta su un tema di carattere editoriale;
– prova su un tema di gestione aziendale;
– prova di carattere generale (brevi domande sul settore editoriale).
Le domande di ammissione al concorso, con la documentazione richiesta nel Bando, vanno spedite alla Fondazione Mario Formenton Segreteria Borse di Studio c/o Gruppo Espresso, Via Cristoforo Colombo, 98 – 00147 Roma, entro e non oltre il 30 novembre 2015 con raccomandata a/r (farà fede il timbro postale).
Per maggiori informazioni consultate il bando ufficiale sulla pagina di Repubblica dedicata alle borse di studio Mario Formenton.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dopo Expo, ecco le Linee Guida per l'Educazione Alimentare del Miur

Next Article

La rassegna stampa di venerdì 06 novembre

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.