FIDUCIA ALLA CAMERA – Gli studenti attaccano: “Ci mobiliteremo in tutta Italia”

fiducia alla camera
Oggi il governo chiede la fiducia alle Camere su un’agenda di priorità politiche per il 2014 che non tiene assolutamente conto delle rivendicazioni che le forze sociali, gli studenti in primis, hanno posto fortemente in quest’autunno di mobilitazioni. E’ questo il commento delle associazioni universitarie studentesche sull’attesa fiducia del Governo Letta alla Camera.

“Né i giornali né la politica sembrano interessati a quello che sta accadendo davvero nel mondo dell’istruzione. – denuncia Federico Del Giudice, portavoce della Rete della Conoscenza. – In questi mesi però in massa gli studenti sono scesi in piazza per sfiduciare dal basso la gestione iniqua della crisi messa in campo dal Governo Letta e le mobilitazioni stanno continuando ad oltranza: oltre 100 scuole occupate, gli atenei del Sud in protesta contro il decreto Punti Organico, una mensa e due studentati liberati per rivendicare risposte immediate in materia di diritto allo studio, welfare e contrasto alla precarietà. Il presidente Letta oggi ha promesso di rimettere al centro delle priorità l’istruzione ci sembra però che questo sia solo l’ennesimo spot propagandistico: manca la volontà politica di recuperare le risorse da settori che da sempre additiamo come “sprechi” (spese militari, tassazione degli alti patrimoni, chiusura dei CIE, etc…) e c’è in realtà una totale sordità alle istanze portate avanti dalle mobilitazioni degli studenti”.

“E’ un segnale totalmente negativo il fatto che il governo parli di un nuovo inizio e non di rifinanziare il sistema di welfare, il diritto allo studio e l’edilizia scolastica, puntando piuttosto sulla proposta di riduzione di un anno delle scuole superiori introdotta autoritariamente dalla min.Carrozza in questi mesi. – dichiara Roberto Campanelli, coordinatore nazionale dell’Unione degli Studenti -.  Crediamo che questa riduzione non avvicini il nostro sistema scolastico all’Europa ma risponda solo alle esigenze di risparmio e ai diktat di rigore riconosciuti dal Governo, che non a caso per quest’anno ha previsto un’ulteriore taglio di 350 mln al fondo MOF che noi condanniamo fortemente. Crediamo inoltre che sia inutile la “Costituente della Scuola” se questa deve essere tavolo di ratifica di provvedimenti già presi e che servirebbe invece farsi carico delle rivendicazioni che da anni il mondo della scuola porta avanti per costruire un reale piano di confronto”.

“I provvedimenti presi dal Governo minacciano la chiusura definitiva degli atenei del Meridione e nulla hanno fatto per risollevare l’esodo di massa che è in corso dalle università a causa dei tagli al diritto allo studio e alla dequalificazione che ha investito tutto il sistema in questi anni. – dichiara Alberto Campailla, portavoce di Link Coordinamento Universitario – La legge di stabilità inoltre finanzia i policlinici universitari privati per 400 mln ma non si preoccupa di sostenere la formazione dei giovani medici. Crediamo che servano risposte immediate sull’istruzione e la ricerca per riconvertire il nostro modello di sviluppo e porre fine alle politiche di austerità”.

“Per questi motivi continueremo a mobilitarci in tutta Italia contro le scelte inique ed llegittime di questo governo – concludono gli studenti. Saremo infatti a Torino il 14 Dicembre a protestare contro le politiche della giunta Cota, il 16 Dicembre a Milano contro il rifinanziamento regionale del Buono Scuola a discapito delle scuole pubbliche e, nello stesso giorno, a Roma in presidio a Montecitorio per fermare l’approvazione di questa Legge di Stabilità”.

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bonus Maturità, è caos: il Tar di Palermo annulla le graduatorie di Medicina

Next Article

Proteste Sapienza, il commento degli studenti: "Fatti di una gravità storica"

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".