Ferrovecchio in mostra

pa-francesco-ferrovecchio.jpgIeri, alle ore 12,00, presso la Galleria del Giardino dell’ Accademia di Belle Arti di Napoli, è stata inaugurata la mostra “Passaggi Armonici. Incisioni di Francesco Ferrovecchio e i suoi studenti”.
La mostra curata da Erminia Mitrano e della Scuola Grafica dell’Accademia, vede il contributo dei curatori della Galleria del Giardino Marco Di Capua, Valerio Rivosecchi, Gabriella Spizzuoco, Vincenzo Bergamene ed il suo corso di Graphic Design.
La mostra, stabile sino al 21 gennaio 2010, espone incisioni del maestro recentemente scomparso Francesco Ferrovecchio. Un’artista la cui ricerca si traduce in tratti grafici e cromatici rapidi, ma intimamente meditati, diretti al recupero di valori perduti della civiltà agreste, propria della sua terra d’origine, Bari.
Presenti anche una selezione di incisioni dei suoi migliori allievi ed ex allievi.
Il direttore Giovanna Cassese insieme con Marco Di Capua e Valerio Rivosecchi completerà la mostra con la presentazione di alcuni scritti.
Una mostra per guardare al futuro, per guardare lontano, per raccontare di passaggi armonici, di trasmissione generazionale di saperi e di portati etici ed estetici, per approfondire percorsi di ricerca individuale, per fare luce sull’impegno di didatta di Ferrovecchio e sul suo magistero di alta qualità umana e professionale che si è trasmesso generando opere altre, di grande impatto visivo e a giorno di sofisticati procedimenti tecnici. Una mostra ricca e varia che ben si iscrive nella stessa fervida attività della Scuola di Grafica e della Galleria del Giardino perché l’Accademia è fucina per le più giovani generazioni e nei nostri compiti formativi rientra anche la valorizzazione e l’esposizione dei lavori più significativi”, ha dichiarato il Direttore

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Casa della letteratura al Suor Orsola

Next Article

Un'università che sorride al futuro

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".