Fase 2: i parchi resteranno chiusi, ma sarà possibile spostarsi tra comuni

Cautela da parte del premier Conte: vietati invece gli spostamenti tra regioni. Dovrebbero restare ancora off limits i bar e i ristoranti che potrebbero riaprire dopo seconda metà maggio

Saranno possibili le passeggiate ma non si potrà correre nei parchi che rimarranno chiusi. Sarà possibile spostarsi tra i comuni ma non tra le regioni, andare a trovare i parenti o recarsi alle seconde case ma divieto assoluto di assembramenti.

Dovrebbero restare ancora off limits i bar e i ristoranti che potrebbero riaprire dopo seconda metà maggio. Potrebbero alzare prima le saracinesche i negozi al dettaglio, come quelli di abbigliamento ma sempre nel rispetto di regole ferree.

Per tutta la giornata il premier Giuseppe Conte ha avuto davanti a se il piano della task force guidata dall’ex ad di Vodafone Colao. Ne ha discusso con i ministri, con il comitato tecnico-scientifico, con le parti sociali e infine con le regioni e i comuni.

Frenata sulla possibiilità di riaperture già dal 27 aprile. Poche deroghe – con decreto dei ministri dello Sviluppo economico e dell’Economia – verranno concesse solo a chi ha il permesso dei prefetti sui protocolli di sicurezza. È dal 4 maggio che tra i 2,7 e i 2,8 milioni di lavoratori (ma c’è la possibilità di arrivare anche a 3,9 milioni) vedranno la fine del lockdown.

La priorità è far sì che anche le possibili riaperture delle fabbriche prima della data indicata – si ipotizzano i comparti del manifatturiero, il made in Italy, l’export, il settore edile, la produzione di macchinari per l’agricoltura – avvenga solo alla presenza di rigidi sistemi di sicurezza, come per esempio sta facendo la Ferrari. Ma i sindacati hanno frenato proprio per la difficoltà di reperire strumenti di protezione sanitaria per tutte le aziende.

Pure nel governo ci sono ministri che ritengono sbagliata la possibilità di ‘differenziare’ le aperture per settori. Gli scienziati sono stati molto cauti, hanno sconsigliato il presidente del Consiglio a dare un via libera totale. Ecco il motivo per il quale il premier – nonostante le insistenze soprattutto di Italia viva – ha scelto la linea della cautela massima.

Il piano della fase due verrà annunciato entro la fine della settimana con l’obiettivo di tenere sempre sotto controllo la curva epidemiologica “per non farsi trovare impreparati in caso di una possibile risalita”. Si prevede dunque “un allentamento delle misure restrittive, ma non uno stravolgimento”.

Il presidente del Consiglio ha chiesto sia alle parti sociali che alle regioni la massima collaborazione. Con l’obiettivo di evitare fughe in avanti. Particolare attenzione alla mobilità. Ecco il motivo per cui – ha spiegato il presidente del Consiglio – andranno presi tutti gli accorgimenti per consentire agli italiani gli spostamenti.

Il comitato calcola che gli utenti saranno il 15% di quelli che si registravano precedentemente all’emergenza Covid-19. Consigliato l’uso della propria automobile. Le indicazioni per tutti prevedono innanzitutto mascherine e distanziamento sociale. 

agi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coronavirus, le mamme danesi contro la riapertura delle scuole: "Mio figlio non farà da cavia"

Next Article

WhatsApp sfida Zoom e Skype: a breve videochiamata tra otto persone

Related Posts
Leggi di più

Studente muore schiacciato da una trave d’acciaio: era all’ultimo giorno di stage gratuito in azienda

Lorenzo Parelli aveva 18 anni e ieri stava per completare il tirocinio in un'azienda meccanica della provincia di Udine dove viveva. La Procura adesso ha aperto un'inchiesta per ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. La Rete degli studenti medi attacca: "Non si può morire mentre si sta facendo quella che dovrebbe essere un'attività didattica"
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.