Esplosione di colori e profumi ai Castelli Romani

abbazia.jpgQuando l’archeologia ‘sposa’ la primavera e la mette… in mostra. Un’esplosione di colori e di profumi di una primavera che avanza, per tutti i gusti e per tutte le possibilità. Con le sue 409 edizioni la “Fiera Nazionale di Grottaferrata” è forse la più antica delle fiere in Italia e il più importante appuntamento espositivo ai Castelli Romani, dove si incontrano artigianato artistico italiano ed estero, architettura per interno ed esterno, arredo giardino, florovivaismo e un settore ampio dedicato alla riscoperta di una cultura enogastronomica nazionale.
Tutto accade da sabato 21 fino a domenica 29 marzo nel sito archeologico adiacente la millenaria Abbazia di San Nilo, a ridosso dell’antico fontanile.
Quest’anno un posto di privilegio è riservato all’arredamento, che propone soluzioni in sintonia con le nuove normative di rispetto ambientale: dalle ristrutturazioni alle nuove costruzioni alle soluzioni per il riscaldamento, dai pannelli solari agli impianti fotovoltaici.
Nel territorio dell’artigianato artistico non mancano accessori d’arredo e troviamo perfino pashmine del Nepal, ceramiche del Portogallo e ferro battuto di artigiani italiani.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sacconi, nuovi provvedimenti a sostegno dei lavoratori

Next Article

Il “cartellino giallo” approda a scuola

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".