Energia pulita, etanolo dalle angurie

angurie.jpgGli scarti di produzione del cocomero potrebbero essere usati per produrre biocarburanti. Infatti uno studio sulla rivista Biotechnology for Biofuels dimostra che le angurie invendute possono essere agevolmente usate per produrre etanolo. Lo studio è stato diretto da Wayne Fish del USDA-Agricultural Research Service presso il South Central Agricultural Research Laboratory di Lane in Oklahoma.
La produzione di etanolo in un modo che sia sostenibile per le popolazioni, e cioè senza togliere troppi ettari di terreno alle coltivazioni agricole, può essere incentivata recuperando scarti di produzione che oggi semplicemente vanno persi. La coltivazione dei cocomeri produce molti scarti, il 20% dei cocomeri prodotti resta sui campi perchè ha una forma esteticamente non appetibile e che quindi il consumatore difficilmente acquisterebbe, oppure perchè presenta macchie o imperfezioni sulla buccia, anche queste dei deterrenti alla vendita.
Piuttosto che perderli, questi scarti possono essere utilizzati per produrre etanolo: gli esperti hanno infatti dimostrato che dal succo zuccherino dell’anguria si può ricavare facilmente, per processo di fermentazione, etanolo. I ricercatori hanno calcolato che si ottengono 0,4 grammi di etanolo per ogni grammo di zucchero, e che quindi per ogni ettaro di angurie si possono produrre 220 litri di etanolo, una quantità non trascurabile, soprattutto se pensiamo che per produrla sono stati usati scarti, quindi con un processo praticamente a ‘costo zero’.

Manuel Massimo 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Italia, Ricerca in via di sviluppo

Next Article

Influenza A, il vaccino d'autunno

Related Posts
Leggi di più

Picchiavano i compagni di classe e postavano i video su Telegram: sei bulli finiscono in manette. “Violenze anche davanti ai professori”

Indagine dei carabinieri in provincia di Milano che ha portato all'arresto di sei studenti di un'istituto superiore accusati di violenze e maltrattamenti nei confronti dei loro compagni di classe. I video delle violenze venivano postate sulle chat di Telegram dove in pochi giorni hanno raggiunto le 100mila visualizzazioni. I pestaggi avvenivano addirittura in aula sotto gli occhi dei docenti.