Energia, inchiesta nel crotonesePecoraro Scanio tra gli indagati

pecoraro_scanio.jpgScattano sedici avvisi di garanzia nell’ambito di un’indagine sulla realizzazione di una centrale elettrica a Scandale, nel crotonese. Tra gli indagati, l’ex ministro dell’Ambiente e promotore del progetto Università Verde, Alfonso Pecoraro Scanio, e l’ex sottosegretario alle Attività produttive, Giuseppe Galati, del centrodestra.
Secondo il pm titolare dell’inchiesta, Pierpaolo Bruni, ci sarebbero presunte irregolarità nei finanziamenti pubblici erogati per la costruzione della centrale per la produzione di energia elettrica a turbogas. Le accuse ipotizzate, a vario titolo, sono quelle di associazione a delinquere, concussione, falso, truffa, ricettazione, e violazione della legge Anselmi sulle associazioni segrete.
Nella stessa inchiesta risultano indagati anche l’ex presidente della Regione Calabria, Giuseppe Chiaravalloti del centrodestra e l’ex assessore all’Ambiente della Regione Calabria, Diego Tommasi dei Verdi.
Le perquisizioni sono in corso di esecuzione da parte dei carabinieri della Compagnia di Crotone in collaborazione con la guardia di finanza. Tra gli indagati figurano anche vari imprenditori.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Talent show, quando la selezione si fa in Tv

Next Article

L'appello degli Specializzandi: "Immatricolazioni da sbloccare"

Related Posts
Leggi di più

Picchiavano i compagni di classe e postavano i video su Telegram: sei bulli finiscono in manette. “Violenze anche davanti ai professori”

Indagine dei carabinieri in provincia di Milano che ha portato all'arresto di sei studenti di un'istituto superiore accusati di violenze e maltrattamenti nei confronti dei loro compagni di classe. I video delle violenze venivano postate sulle chat di Telegram dove in pochi giorni hanno raggiunto le 100mila visualizzazioni. I pestaggi avvenivano addirittura in aula sotto gli occhi dei docenti.