Elezioni, priorità agli scrutatori disoccupati

elezioni-politiche2013-300x225

Cittadini, elettori  e perché no scrutatori. I giovani disoccupati potranno contribuire attivamente a queste elezioni politiche non sono andando alle urne, ma prendendo parte in prima persona alle operazioni di voto. Arriva infatti da più parti d’Italia la proposta di promuovere il criterio del sorteggio a favore dei disoccupati.

L’idea di favorire concretamente coloro che sono attualmente disoccupati, con un utile contributo economico, sembra stia raggiungendo un consenso popolare. La richiesta prevede che venga data precedenza a quei cittadini che si trovano in una condizione di disoccupazione o comunque che appartengono alle fasce più deboli. Chi viene sorteggiato potrebbe, in base a questa proposta, certificare il proprio stato di disoccupazione entro un tempo utile, per permettere l’eventuale sostituzione. Un sistema valido per tutte le consultazioni elettorali, per permettere, indistintamente dal colore politico di chi guida la città, di dare priorità ai più deboli.

Tra i primi gruppi politici ad inoltrare la richiesta, il Movimento 5 Stelle di Piombino che ha inviato una proposta relativa alla scelta della nomina degli scrutatori per le elezioni politiche 2013.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Drammi amorosi, rock e archeologia a Napoli dal 18 al 27 gennaio

Next Article

Pirelli, fate strada con gli stage

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"