Educhiamoci allo sviluppo

Aperte le iscrizioni, al CUMES, corso Multidisciplinare di Educazione allo Sviluppo che ogni hanno l’UNICEF tiene tra marzo e giugno in collaborazione con l’Universtià Sapienza, presso la Facoltà di Lettere.

Aperte le iscrizioni, al CUMES, corso Multidisciplinare di Educazione allo Sviluppo che ogni hanno l’UNICEF tiene tra marzo e giugno in collaborazione con l’Universtià Sapienza, presso la Facoltà di Lettere.

Una possibilità di far conoscere alle nuove generazioni gli strumenti di conoscenza interculturale e quel senso critico che permetterà loro un impegno civile maturo, consapevole ed attivo.

Ogni anno il corso approfondisce tematiche socialmente e accademicamente utili agli studenti, cercando di stimolare interessi e prospettive interculturali e approfondendo conoscenze riguardo l’educazione alla mondialità e lo studio di politiche sociali ed economiche.

Il Corso è indirizzato a studenti universitari, neolaureati, insegnanti, operatori delle ONG, associazioni e a chiunque desideri approfondire i temi trattati.

Il Corso si svolgerà dal 2 marzo  all’11 maggio 2011 presso l’Aula 1 della Facoltà di Lettere e Filosofia – Università La Sapienza di Roma, dalle 17.00 alle 19.00.

Al termine del Corso verrà consegnato un attestato di frequenza a coloro che avranno frequentato almeno 8 lezioni su 11. Il controllo delle presenza avverrà attraverso la modalità elettronica: la presenza per risultare valida dovrà essere definita necessariamente dall’orario di entrata (17.00/17.15) e dall’orario di uscita (19.00).

La frequenza al corso può dare diritto, a discrezione delle varie facoltà, al riconoscimento di crediti formativi universitari.

Sarà possibile iscriversi personalmente o tramite delega, fino ad esaurimento posti, a partire dal 31 gennaio 2010, presso la sede del Comitato Provinciale di Roma per l’UNICEF, via Torino, 96 Roma (Metro Repubblica) tel.06/47826338 • 06/47809261 • fax 06/47809260 • e-mail: [email protected] (con orario 10.30/13.00 15.00/17.30 lunedì-martedì-mercoledì-giovedì e 10.30/13.00 venerdì).

Al momento dell’iscrizione sarà richiesto un contributo di 20 Euro. È possibile prenotare l’iscrizione al Corso compilando questo modulo on line. Effettuata la prenotazione on line sarà comunque necessario recarsi presso la sede del Comitato per perfezionare l’iscrizione ed effettuare il pagamento.

Il XXI Corso Multidisciplinare di Educazione ai Diritti si articola in 11 lezioni che hanno come filo conduttore l’approccio volto alla realizzazione degli Obiettivi del Millennio: l’Equity approach

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma, parte il progetto Pica Meloni: "pronti ad estenderlo ad altre città”

Next Article

Materie della maturità: Gelmini su Youtube

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.