Educazione familiare al consumo responsabile

Secondo lo studio DOXA, per 6 ragazzi su 10 (59,8%), i genitori sono il primo punto di riferimento per il consumo alcolico.

Consumo responsabile dell’alcol, educazione familiare. E’ quanto emerge da una ricerca Doxa/Osservatorio Permanente Giovani e Alcol, presentata nel corso del lancio della campagna ”Le parole per dirlo”, realizzata da AssoBirra con il patrocinio del Ministero della Gioventù.
Secondo lo studio, infatti, per 6 ragazzi su 10 (59,8%) i genitori sono il primo punto di riferimento rispetto al modo di consumare bevande alcoliche. Davanti, quasi a sorpresa, all’amico fidato (49%) e al medico di famiglia (42,3%), figura che assume comunque un ruolo importante, soprattutto se si guarda la sfiducia mostrata nei confronti delle strutture educative, in particolare la scuola (25%), e del ruolo secondario attribuito al gruppo dei coetanei (33,5%).
Più in generale, 7 ragazzi su 10 (69,8%) ritengono che i genitori facciano bene a dare raccomandazioni sul tema alcol. E, persino i piu’ ”contestatori”m (26%) ritengono che sia un dovere dei genitori dispensare consigli, anche se spesso poi decidono di non seguirli.

Total
0
Shares
1 comment
  1. è confortante sapere che siamo il punto di riferimento per 6 dei nostri ragazzi su 10 rispetto al consumo di bevande alcoliche. questo mi suggerisce non solo che mi auguro che il numero cresca, ma anche che non dobbiamo deluderli o farci cogliere impreparati.
    qualcuno ha altre iniziative o altri strumenti da suggerirmi oltre a questo bellissimo di beviresponsabile.it?
    grazie a tutti!
    una mamma come voi

Lascia un commento
Previous Article

L'Unione Europea premia i giovani giornalisti

Next Article

Fano: formazione per elettrauto

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.