Diritto e tutela dei minori, parte un nuovo corso universitario

L’indignazione per la violenza usata nei confronti di un minore portato via a forza lo scorso 15 ottobre ha avuto portata nazionale. Un caso limite che serve per capire da dove bisogna ripartire per educare gli educatori e per far rispettare i diritti dei minori.

E’ l’obiettivo che si pone il nuovo corso universitario di alta formazione “Diritto e tutela dei minori. Profili giuridico e psicologici” che partira’ il 16 novembre e finira’ a marzo 2013.

Riferendosi al bambino di Padova affetto da Pas, patologia di disturbi mentali, il dottor Luca Mari, membro del comitato scientifico e docente del corso spiega cosi’ l’iniziativa: “Sicuramente questo e’ un caso limite in cui per far rispettare un decreto del tribunale per i minorenni, il giudice ha autorizzato anche l’intervento della forza pubblica.

Ma quelle immagini e quelle urla del bambino trasportato con forza dalla polizia ci devono far riflettere”. “L’ istituto della famiglia e’ in crisi – prosegue Mari – i genitori in difficolta’ e spesso disorientati, esplode la conflittualita’ e la rabbia dell’uno contro l’altro. Gli adulti di riferimento sembrano incapaci di far prevalere l’interesse del bambino, si impone cosi’ a tutti gli operatori del settore un’attenzione e una preparazione straordinari”.

“Occorre essere competenti, formati e supervisionati – conclude – per affrontare la complessita’ delle sfide, e partecipare cosi’ attivamente alla costruzione e alla manutenzione della rete di professionisti, qualificati e specialisti, che si occupa delle persone minorenni e della loro tutela”. Con questi obiettivi prende il via il corso di alta formazione universitaria che prevede oltre a momenti teorici in aula, anche laboratori di approfondimento.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola elevata al lavoro, 3600 ragazzi in stage all'Italia e all'estero

Next Article

Under 18, stop ai seni rifatti. Arrivano norme più severe

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".