Diabolik festeggia i suoi 50 anni a Milano

Mister  Diabolik, un’icona incontrastata dei fumetti italiani ormai da generazioni, ladro spietato e vincente, mascalzone e gentiluomo d’altri tempi, fidanzato con un’eroina mozzafiato Eva Kant, decide di festeggiare il suo compleanno a Milano.

Nel lontano 1962, osservando oziosamente i poveri pendolari che aspettavano il treno perennemente in ritardo in stazione Cadorna, le menti di due sorelle milanesi, Angela e Luciana Giussani, concepirono quella che sarebbe stata la loro fortuna e la passione di molti: Diabolik. Da allora, sono passati  cinquant’anni e per il Re del terrore, il tempo sembra essersi fermato.

Milano, luogo della sua nascita, decide di festeggiare il suo compleanno dedicandogli un’esposizione presso il Padiglione Olona, dal titolo “Cinquant’anni vissuti Diabolikamente”.

La scelta della location non è casuale, all’interno infatti, tecnologia, innovazione e creatività si sposeranno per far rivivere il Re del terrore. Dolci malinconie che ci  riportano indietro nei decenni, in un periodo in cui l’American Dream in Italia era ancora palpabile. Dalla progettazione di furti apparentemente impossibili, alla costruzione di marchingegni e apparecchiature futuristiche, fino al  maxi schermo che proietterà il documentario “Le Sorelle Diabolike”, realizzato da Michele Bongiorno e ispirato alla vita delle due sorelle.

Un mix esplosivo, un viaggio a ritroso, in cui il digitale si arricchisce del fascino che gli anni sessanta portano con se.  La mostra sarà fino al 21 novembre al Museo della Scienza di Milano. L’ingresso è gratuito.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il pacemaker ricaricato dal cuore

Next Article

Sciopero contro l'austerity: anche a Napoli si scende in piazza

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".