Ddl Gelmini passa al Senato

Il ddl Gelmini è passato al vaglio del Senato della Repubblica. Piena la soddisfazione del ministro Gelmini sul cambiamento che a suo parere comporterà un cambiamento radicale negli atenei. “Voglio esprimere grande soddisfazione per l’approvazione del ddl sull’università. Si tratta di un evento epocale che rivoluziona i nostri atenei e che permette all’Italia di tornare a sperare”. Così il ministro dell’Istruzione, Ricerca e Università, Mariastella Gelmini, commenta il primo via libera del Senato al ddl di riforma dell’università.

Il ddl Gelmini è passato al vaglio del Senato della Repubblica. Piena la soddisfazione del ministro Gelmini sul cambiamento che a suo parere comporterà un cambiamento radicale negli atenei.
“Voglio esprimere grande soddisfazione per l’approvazione del ddl sull’università. Si tratta di un evento epocale che rivoluziona i nostri atenei e che permette all’Italia di tornare a sperare”. Così il ministro dell’Istruzione, Ricerca e Università, Mariastella Gelmini, commenta il primo via libera del Senato al ddl di riforma dell’università.
“L’università -assicura Gelmini – sarà più meritocratica, trasparente, competitiva e internazionale. Il ddl segna la fine delle vecchie logiche corporative: sarà premiato solo chi se lo merita». Secondo il ministro, ììl’approvazione di questo provvedimento costituisce la base per il rilancio del sistema universitario italiano, finalmente si potrà competere con le grandi realtà internazionali”. ”
Inoltre, si precisa che ci saràuno sblocco parziale degli scatti stipendiali che erano stati bloccati ai ricercatori universitari: lo ha detto in Aula al Senato il ministro  Gelmini.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Polito, lettera aperta al Quirinale. A rischio la ricerca interna

Next Article

Ethnoi, diverso è bello

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.