Dal PNRR 1,17 miliardi di euro per costruire le scuole del futuro. Bianchi: “Opportunità straordinaria”

Il ministro dell’Istruzione ha presentato a Milano le linee guida per la realizzazione di 195 nuovi istituti grazie alle risorse stanziate dal Piano nazionale di ripresa e resilienza: si tratta di 370 milioni di euro in più rispetto agli 800 previsti. Presto online il bando.

Altri 370 milioni verranno impiegati per riprogettare architetture, spazi e arredi degli edifici scolastici previsti dal PNRR. “Dopo settimane di lavoro, posso annunciare che abbiamo aumentato le risorse a disposizione del bando, dagli iniziali 800 milioni previsti a circa 1,17 miliardi” ha spiegato il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, in occasione della presentazione delle linee guida del progetto ‘Futura. Progettare, costruire e abitare la scuola’ alla Triennale di Milano.

Le linee, articolate in un decalogo, sono il frutto del lavoro di alcuni architetti, che si sono confrontati insieme a pedagogisti ed esperti della scuola, all’interno di un gruppo di lavoro voluto e istituito dal ministero. “Uno straordinario lavoro – ha commentato il ministro Bianchi – per mettere in pratica quello che molte sperimentazioni hanno già fatto: una scuola sostenibile, aperta, integrata nel territorio che serva come punto di riferimento anche nel pomeriggio”.

Saranno 195 gli istituti interessati dal bando che dovranno rispondere a dieci caratteristiche della ‘scuola del futuro’: qualità, basso consumo, sostenibilità, accoglienza, spazi aperti e orientati alla co-progettazione, flessibilità, coinvolgimento corporeo, attrezzature funzionali, tecnologie e connettività. Tra le professionalità che hanno elaborato il documento, gli architetti Stefano Boeri, Cino Zucchi, Luisa Ingaramo, e il direttore della fondazione Giovanni Agnelli, Andrea Gavosto.

Entro questa settimana saranno pubblicate le aree dove verranno costruite le nuove scuole previste dal bando, che si ispireranno alle linee guida, ed entro la fine del mese partirà il concorso di progettazione.

LEGGI ANCHE:

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Parte la caccia alle cattedre per le materie STEM: 37mila aspiranti docenti per 1700 posti

Next Article

Niente bocciature, solo giudizi: a destra piace l'idea del "tutti promossi". Ma Sasso frena: "La scuola non è diplomificio"

Related Posts
Leggi di più

Elezioni, come si vota domenica 25 ed evitare di sbagliare

Le schede elettorali del 25 settembre, quella rosa per la Camera, la gialla per il Senato. Si vota tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale anche ai fini dell'elezione del candidato nel collegio uninominale e a favore della lista nel collegio plurinominal.