Cuochi, camerieri e personale hi-tech: ecco i 250mila posti di lavoro impossibili da trovare per le aziende

I dati del secondo trimestre del 2021 dell’Istat fotografano la difficiltà per le imprese di reperire sia lavoratori specializzati che quelli che possiedono zero competenze.

Nell’era del lavoro che non c’è e delle polemiche legate all’immagine di milioni di persone che preferiscono stare sul divano e godersi il reddito di cittadinanza piuttosto che cercare un impiego, ci sono 250mila posti di lavoro che le aziende non riescono a coprire.

A dirlo sono gli ultimi dati pubblicati dall’Istat e che riguardano il secondo trimestre del 2021. Nello specifico, come riporta il quotidiano La Stampa oggi in edicola, il tasso di posti vacanti si attesta all’1,3% nel complesso delle attività economiche, all’1,4% nell’industria e all’1,6% nei servizi.

Il quotidiano torinese riporta come il Randstad Research, il centro di ricerca della multinazionale specializzata in risorse umane, nei mesi scorsi abbia stilato un rapporto sul “matching”, ovvero sul rapporto tra domande e offerte di lavoro, lanciando un allarme sulla ripresa post Covid che “rischia di riproporre il paradosso di un elevato livello di disoccupazione associato alla difficoltà di riempire i posti di lavoro dai quali dipendono la qualità e la sostenibilità della ripresa stessa”.

Per il 58% delle aziende intervistate da Randstad sono le carenze tecnologiche e tecnico-scientifiche a essere rilevanti nella difficoltà di reperimento. Si assiste comunque alla mancanza sia di addetti altamente specializzati che di quelli con poche (o zero) competenze. Nell’indagine di Randstad Reserch, le assunzioni con maggior difficoltà di reperimento vedono queste cinque categorie in cima alla classifica: camerieri, cuochi, conduttori di mezzi pesanti e camion, commessi, tecnici della vendita e della distribuzione.

Se invece, si prendono in considerazione le qualifiche con maggior tasso di difficoltà di reperimento sul totale delle assunzioni pianificate, questi sono i profili: tecnici meccanici, programmatori, saldatori e tagliatori a fiamma, analisti e progettisti di software, specialisti di saldatura elettrica.

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Le avventure di Harry Potter, il tema di “Scrittori di Classe”, il progetto rivolto alle scuole

Next Article

Back to school su arte.tv, 6 docuserie gratuite destinate ai ragazzi per ripassare o approfondire

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.