Crui, raccolta fondi per ricostruire Univaq

In queste ore difficili gli aiuti e la solidarietà alla popolazione colpita dal terremoto che ha squassato il territorio aquilano stanno arrivando da tutta Italia e anche dall’estero. La Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (Crui) ha aperto un apposito conto bancario per raccogliere fondi da destinare alla ricostruzione dell’Università de L’Aquila e per la Casa dello Studente.
Il presidente della Crui, Enrico Decleva, si rivolge alla comunità accademica tutta e chiede un aiuto concreto: “Facciamo appello alle università, al personale docente e a quello tecnico amministrativo, ma anche agli studenti, alle loro famiglie e ai cittadini tutti del nostro Paese. L’Università de L’Aquila ha subito danni gravissimi, l’espressione della solidarietà può trasformarsi anche in partecipazione attiva per la ricostruzione degli edifici danneggiati o distrutti dal terremoto”.

Per versare il proprio contributo la Crui ha aperto un apposito conto. Si chiama Università Emergenza Terremoto e l’IBAN è IT 80 V 03226 03203 000500074995.

La Conferenza dei Rettori è in continuo contatto con il rettore dell’Università de L’Aquila, Fernando Di Orio, al fine di pianificare gli interventi necessari anzitutto a garantire la prosecuzione dell’anno accademico ai 27.000 studenti frequentanti l’ateneo aquilano.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tirocini tra i climatizzatori

Next Article

Corriereuniv porta aiuti agli studenti aquilani

Related Posts
Leggi di più

Torna lo Young International Forum: università, lavoro, esteri ma anche disagio giovanile

Da mercoledì 11 a venerdì 13 ottobre al Ragusa OFF di Roma, tre giorni di eventi e appuntamenti. Orientamento, informazioni, sessioni di ascolto e confronto, opportunità di studio e scambi, colloqui, seminari sulle materie di studio e workshop per sostenere le scelte formativo-professionali. Quest’anno ampio spazio ai temi d’attualità legati al mondo dei ragazzi: dal body-shaming al cyberbullismo passando per il tabù dell’introduzione dell’educazione sessuale nei programmi scolastici