Corso su Dostoevskij, adesso a rinunciare è Paolo Nori: “Non condivido la spiegazione della Bicocca. Lo farò altrove”

Nuovo colpo di scena nella vicenda del corso di Paolo Nori su Dostoevskij “censurato” dall’Università Bicocca di Milano. Lo scrittore emiliano ha annunciato che terrà in un altro ateneo le sue lezioni sul grande autore russo. A scatenare la sua reazione le parole del prorettore Casiraghi che aveva parlato della volontà dell’ateneo milanese di integrare il corso con un approfondimento anche su autori ucraini. “La par condicio in letteratura non esiste”.

Non è bastato il repentino dietro front, né le scuse ufficiali: Paolo Nori ha deciso di non tenere più il ciclo di lezioni su Dostoevskij alla Bicocca di Milano. Una decisione prese al termine di una giornata passata sull’ottovolante delle dichiarazioni e prese di posizioni che sono culminate con quella frase “Volevamo rinviare e aggiungere autori ucraini” pronunciata dal prorettore dell’ateneo milanese, Maurizio Casiraghi, che ha fatto andare (di nuovo) su tutte le furie lo scrittore parmigiano. Perché non corrisponderebbe alla realtà dei fatti e in ogni caso non sarebbe quella la vera motivazione che avevano spinto i vertici dell’ateneo a “congelare” le lezioni sul grande scrittore russo, almeno secondo l’interpretazione di Paolo Nori.

“La par condicio in letteratura non l’avevo mai sentita – ha detto Nori in un’intervista pubblicata questa mattina dal Corriere di Bologna – Comunque non è così, la mail era chiara e c’era solo il no ai russi. Io ho risposto solo ‘sono senza parole’. Nessun accenno agli ucraini. Peraltro, io non conosco l’ucraino. Fino ad ora ero indeciso se proseguire la collaborazione e riprendere il corso o no, ma ora non ho dubbi e rinuncio alla generosa offerta della Bicocca. Farò il corso altrove”.

Nori ha poi rivelato di aver ricevuto centinaia di messaggi di solidarietà, anche dalla ministra dell’Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa. “Mi ha chiamato, è stata gentile e abbiamo concordato sul fatto che in sé questa cosa è una sciocchezza, ma che in realtà ha messo in luce un sentimento che purtroppo esiste: la russofobia. Una cosa che raccontavo appunto su Instagram. Una cosa bella della ministra invece è la sua volontà di far incontrare studenti ucraini e russi, e parlare, dialogare”.

Oggi Paolo Nori sarà di nuovo in diretta su Instagram (alle 19) per spiegare ulteriormente la sua posizione. E chissà che in questa storia piena di colpi di scena non ce ne sia un altro a ribaltare, ancora una volta, la situazione.

LEGGI ANCHE:

Total
5
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Pannelli fotovoltaici sui tetti delle scuole: l'idea dei presidi per rispondere al caro bollette

Next Article

Studenti Erasmus in fuga dalle università russe. Il rettore dell'Orientale: "Contiamo di riabbracciarli presto"

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".