Coronavirus, prof firmano un'autocertificazione per evitare il tampone. Azzolina: "non si chiuderà"

Foto Cecilia Fabiano/ LaPresse 06 Ottobre 2020 Roma (Italia) Politica : Inizio delle attività di Test Salivari nelle scuole Nella Foto : la scuola G.B.Grassi di Fiumicino Photo Cecilia Fabiano/LaPresse October 06 , 2020 Roma (Italy) Politics : First day Covi Test especially made for children In The Pic : the Grassi institute in Fiumicino

“Richiudere le scuole? Non se ne parla: se i contagi cresceranno ancora nel Paese bisognerà casomai intervenire sull’accesso ai mezzi pubblici, limitare le attività ricreative pomeridiane dei ragazzi, impedire le feste”. È la risposta che la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ripete a chi le chiede che cosa cambierà per le scuole in queste prossime settimane: lo fanno colleghi di partito, parlamentari e presidi, dirigenti del ministero oltre che i numerosi genitori con i quali dialoga via Facebook. Dalla sua Azzolina ha i dati dell’ultimo monitoraggio ufficiale condotto dal suo ministero: 0,02% di contagi. “La trasmissione nelle scuole — ha confermato il presidente dell’Istituto superiore di Sanità Silvio Brusaferro — è molto limitata”. Peccato che i numeri siano un po’ vecchiotti perché si fermano al 26 settembre, quando le scuole delle regioni del Sud avevano riaperto da un paio di giorni.

“Ma anche i dati della settimana successiva seguono un trend di crescita costante senza picchi”, assicurano al ministero. Saranno resi noti la settimana prossima: e così, mentre sappiamo in diretta gli esiti dei tamponi giornalieri, per le scuole c’è un’attesa di dieci giorni almeno per capire che cosa succede con i contagi. Non solo, i dati arrivano con il contagocce e sarà probabilmente così per tutto l’anno: dopo un braccio di ferro con il ministero della Salute su chi dovesse fare il monitoraggio, alla fine saranno i presidi e non le Asl a fornire i numeri dei contagi nelle scuole. In diretta arrivano le notizie di cronaca e descrivono i primi limitati focolai anche nelle scuole: dieci contagiati in una scuola a Ferrara, 30 al Liceo Avogadro di Roma, una scuola chiusa a Molfetta per focolaio. “Rispettate le regole anche fuori così potremo tenere aperte le scuole”, ha detto ieri Azzolina parlando agli studenti di un istituto agrario a Frosinone.

La preoccupazione aumenta anche per il numero crescente di classi in quarantena insieme alla confusione sull’applicazione delle regole di prevenzione. A partire dall’uso delle mascherine che resta non obbligatorio quando gli studenti sono seduti al banco ma sempre più professori chiedono di indossarle. A Fiano Romano, nel Lazio, dopo che il preside ha deciso di chiudere la sede distaccata dell’istituto comprensivo con 150 iscritti per un caso di Covid, i genitori sono andati dai carabinieri. Allo scientifico Vallisneri di Lucca invece hanno cambiato le regole in corsa: “Quando ci sono stati i primi casi a settembre, venivano messi in quarantena la classe e anche i professori, ma ultimamente — racconta Gustavo Micheletto, insegnante di filosofia — a noi prof hanno fatto firmare un’autodichiarazione che siamo stati alla cattedra, a due metri di distanza dai ragazzi, e non ci hanno fatto il tampone: è una procedura che la Asl ha convalidato, mi sembra un escamotage pericoloso. Sarebbe stato meglio metterci in isolamento fiduciario a fare didattica a distanza per qualche giorno”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università di Padova, boom di iscritti stranieri: +79,2%

Next Article

Lo YIF vince la sfida digitale. Migliaia i giovani collegati sul canale streaming Natlive. Berriola: il Recovery fund per formare bene i ragazzi

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.