Coronavirus, incontro Governo-Regioni su chiusura scuole e misure straordinarie

Varie regioni hanno proposto la chiusura di scuole e università in ordinanza al vaglio del Governo. Il Premier Conte ha però invitato alla prudenza e a non adottare provvedimenti drastici soprattutto nelle regioni dove non ci sono casi accertati di Coronavirus.  Il tutto in attesa delle linee guida che usciranno dalla riunione con tutti i presidenti delle Regioni.

‪Oggi, infatti, Governo, Presidenti di regione e staff tecnico del Ministero della salute sono in riunione congiunta per coordinare le azioni al fine di fronteggiare al meglio l’emergenza Coronavirus: “Uniamo gli sforzi e lavoriamo in squadra senza sosta per tutelare la salute dei nostri cittadini”.

Il premier Giuseppe Conte ha infatti convocato un tavolo con i Governatori di tutte le regioni italiane. Bisogna “evitare che alcuni governatori al di fuori delle aree di contagio possano adottare iniziative autonome che non sono allo stato giustificate” ha detto parlando con i giornalisti il presidente Conte. E, in merito alla chiusura delle scuole in alcune regioni ha chiesto ai governatori di astenersi alla sospensione delle attività scolastiche perché non sono giustificate. E invita a seguire le linee del Governo e adottare provvedimenti in pieno coordinamento per evitare di creare confusione a livello nazionale e parla si “misure nel segno dell’adeguatezza e proporzionalità”. “No ognuno per la sua strada” ha rimarcato. Per affrontare emergenza, ha sottolineano anche, “Ascoltiamo il comitato tecnico scientifico, sono loro che ci guidano e trarremo ulteriori informazioni che porteremo al tavolo con i governatori”.

Conte: non è momento polemiche e allarmismi

“Non è il momento delle polemiche, dobbiamo lavorare, le polemiche non mi interessano”. Così il premier Giuseppe Conte alla Protezione Civile. “Sono fiducioso – ha aggiunto – perché tutti i presidenti si sono dimostrati disponibili alla collaborazione”. “Ce la faremo lavorando tutti insieme con l’obiettivo unico che è quello della salute dei cittadini. Quindi no a drammatizzazioni o allarmismi, dobbiamo agire per contenere il disagio”, ha aggiunto. “Non dobbiamo – ha detto ancora – pensare che sia una catastrofe che non si può affrontare, anzi è un’emergenza che si può affrontare e che stiamo affrontando mettendo in campo tutte le misure adeguate e proporzionate che confidiamo possano avere effetti di contenimento”. 

lamentino

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La fuga degli studenti per il coronavirus: «Torniamo al Sud per evitare la solitudine della quarantena». E i voli schizzano alle stelle

Next Article

Coronavirus: 5 regole d’oro per chi fa vita da pendolare

Related Posts
Leggi di più

Studente muore schiacciato da una trave d’acciaio: era all’ultimo giorno di stage gratuito in azienda

Lorenzo Parelli aveva 18 anni e ieri stava per completare il tirocinio in un'azienda meccanica della provincia di Udine dove viveva. La Procura adesso ha aperto un'inchiesta per ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. La Rete degli studenti medi attacca: "Non si può morire mentre si sta facendo quella che dovrebbe essere un'attività didattica"
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.