Contratto firmato: il palazzo della Banca d’Italia è dell’Università di Messina

La storica sede di Messina della Banca d’Italia è ufficialmente dell’Università di Messina. Dopo mesi di lavoro e trattative, ieri è arrivata la firma sul contratto di acquisto del prestigioso immobile di piazza Cavallotti. Il Rettore Salvatore Cuzzocrea e Pietro Raffa per conto di Banca d’Italia hanno siglato il contratto davanti al notaio Alessia Marsiglio.
Un risultato su cui l’ateneo messinese ha lavorato a lungo, con l’obiettivo di dare una nuova vita ad uno dei palazzi storici più belli della città. Lo scorso mese di maggio era stato deciso l’acquisto e l’Università di Messina si era aggiudicata la trattativa ad un costo di 6,5 milioni di euro. Un investimento importante che ieri si è ulteriormente concretizzato con la firma sul contratto.
Una seconda vita per la Banca d’Italia
Il Rettore Cuzzocrea ha espresso grande soddisfazione: “L’’obiettivo dell’Università – ha detto- è quello di valorizzare il proprio patrimonio artistico e culturale e di restituire alla città la splendida struttura che sarà sede di un polo museale e di centri di ricerca. Ciò al fine di renderlo fruibile a tutti e non solo a docenti e studenti”.
Un edificio storico
La struttura della Banca d’Italia, edificata nel 1924, ha una superficie di oltre 6000 mq, divisi in un seminterrato e due piani fuori terra. Completamente in cemento armato e muratura, è di fattura molto curata. L’edificio si articola in 8 unità immobiliari a destinazione d’uso abitazioni di tipo civile, 1 unità immobiliare a destinazione d’uso istituto di credito, 1 unità a destinazione d’uso cabina elettrica, 8 unità immobiliari sono a destinazione d’uso magazzini e depositi e 1 a unità immobiliari a per locali sportivi e 2 a destinazione lastrico solare. I sotterranei saranno probabilmente utilizzati come Archivio Storico dell’Ateneo.
tempostretto

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

I docenti si formano giocando con i Lego, una scuola all’avanguardia

Next Article

Mamma e sei figli si laureano insieme all'Università di Urbino: nuovo record per la famiglia Bardelli

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".