Concorsone, Profumo: “La macchina organizzativa ha funzionato perfettamente”

La macchina del concorsone “ha funzionato” e “c’e’ stata una grandissima professionalita’ da parte delle reti delle scuole. E’ andata molto bene”. Lo ha sottolineato il ministro dell’Istruzione, Francesco Profumo a SkyTg24 e ha spiegato: “sono stati rispettati i tempi e i modi. Ed e’ stata una buona dimostrazione di una ricreata fiducia nello Stato. E’ stato un processo trasparente, definito e progettato nei minimi dettagli, e mi sembra non ci siano stati inconvenienti nonostante ci fossero oltre 320.000 candidati”.

Nel settore della scuola sono stati messi in atto alcuni processi che hanno come obiettivo quello di renderla piu’ trasparente e piu’ capace di essere governata, e di avere un elemento di centralita’: l’attenzione agli studenti e per i ricercatori attraverso la valorizzazione della capacita’ delle persone e del loro impegno. E questi due elementi sono da considerare insieme. Naturalmente con grandissima attenzione anche al senso di equita'”.

Ha concluso  il ministro dell’Istruzione, l’Universita’ e la Ricerca”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma tre, nell'ex vasca navale, la nuova sede di ingegneria

Next Article

Stage e assunzioni, ecco le aziende che vi cercano

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.