Col nuovo ISEE migliaia di studenti "esodati"

“Con il nuovo modello ISEE si mette a repentaglio il diritto allo studio per migliaia di ragazzi e ragazze”. A parlare sono gli studenti universitari dell’UDU, che denunciano una situazione nota a tutti da tempo.
“Basti pensare che a causa del nuovo modello ISEE un numero rilevante di studenti si ritroveranno “esodati” del diritto allo studio poiché, nonostante l’assenza di una variazione di reddito, risulteranno comunque con un valore ISEE molto aumentato rispetto lo scorso anno”.
In aiuto alle migliaia di studentesse e studenti colpiti da questo modello ingiusto arriva lo sportello online dell’Unione degli Universitari www.sosisee.it ricco di indicazioni, FAQ e questionari ad hoc per monitorare ed aggregare le problematiche più frequenti che stanno colpendo gli studenti.
Gianluca Scuccimarra, coordinatore dell’Unione degli Universitari, dichiara “Il disegno generale in cui si inserisce la nuova ISEE per gli studenti universitari è chiaro: ridurre e impoverire un sistema di Diritto allo Studio e Accesso già di per sé ridotto all’osso agendo direttamente sulla platea degli studenti idonei. In base ai primi dati di monitoraggio provenienti dal Ministero del Lavoro, l’incremento medio nel passaggio da vecchia a nuova ISEE è di circa il 10% e nella particolare distribuzione della popolazione studentesca universitaria gli incrementi potrebbero raggiungere punte molto più alte, sino a picchi del 20%.”
“Le segnalazioni che ci stanno giungendo in questi giorni sono numerosissime, tra i problemi principali causati dal nuovo modello riguarda gli studenti “esodati” del diritto allo studio: migliaia di studenti che risulteranno più ricchi, nonostante non abbiano avuto variazioni di reddito, e non potranno ricevere la borsa di studio che percepivano sino all’anno precedente e addirittura pagheranno tasse universitarie più salate. Nonostante le numerose mozioni portate dall’UdU in CNSU e negli organi locali di rappresentanza il silenzio delle istituzioni, in primis del Ministero dell’Istruzione, è stato assordante e pochissime regioni e atenei hanno rivisto le proprie soglie ISEE per l’accesso ai benefici.”
Conclude Scuccimarra “Da qui la necessità di lanciare la campagna e lo sportello online SOS ISEE in sostegno a tutti coloro che saranno colpiti dal nuovo ISEE. Uno sportello che da una parte risponda ad ogni domanda e necessità degli studenti aiutando e tutelando quelli più in difficoltà, dall’altra sia in grado di monitorare la situazione disastrosa che si sta generando dimostrando al Ministero del Lavoro, al Ministero dell’Istruzione, alle regioni e alle università la necessità di provvedimenti correttivi immediati”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, Università e Ricerca: la rassegna stampa di mercoledì 2 settembre

Next Article

Giannini: "Entro il 1° dicembre bando per il nuovo concorso nazionale"

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.