Classifica delle Università del Sole 24 Ore: Verona e Trento al top, seguono Milano e Bologna

Classifica delle Università de Il Sole 24 Ore – L’Università di Verona conquista il primato nella “classifica della qualità” redatta ogni anno da Il Sole 24 Ore; sul podio anche Trento (seconda), l’Alma Mater di Bologna e il Politecnico di Milano, (appaiate al terzo posto.
L’attesa graduatoria stilata dal quotidiano Il Sole 24 Ore combina i dati provenienti direttamente dal Ministero dell’Istruzione e quelli elaborati dall’Ag4enzia Nazionale per la Valutazione dell’Università e della Ricerca (ANVUR). Il risultato più sorprendente riguarda l’ascesa dell’Università degli Studi di Verona che, rispetto allo scorso anno, ha staccato tutte le concorrenti e si è aggiudicata la vetta della classifica in solitaria. A spingere in alto l’Ateneo veronese sono stati principalmente due fattori: l’alto numero di crediti che i suoi studenti riescono ad ottenere grazie a stage e tirocini in aziende partner e l’altissimo tasso di occupazione ad un anno dal consegui mento del titolo.
In questo senso, ottengono risultati parziali rilevanti anche l’Università di Brescia e quella del Piemonte orientale. Trento e Venezia (IUAV), invece, offrono grandi vantaggi per chi punta a costruirsi una dimensione internazionale; Padova, il Politecnico di Torino e ancora Verona, infine, offrono la possibilità di svolgere dottorati di altissimo livello e assicurano una produzione scientifica estremamente competitiva anche a livello internazionale.
Dodici gli indicatori utilizzati, suddivisi a loro volta in modo da creare due distinte classifiche in base ai risultati ottenuti per quanto riguarda la didattica e la ricerca. Cento il punteggio massimo. La graduatoria generale è il risultato della combinazione tra le due classifiche parziali.
I migliori Atenei Statali – Classifica generale

Verona 88 punti
Trento 83 punti
Milano Politecnico 81 punti
Bologna Alma Mater 81 punti
Padova 76 punti

Tra gli Atenei privati, invece, è la Bocconi di Milano a prendersi il primato, seguita dalla Luiss e dal San Raffaele. L’ateneo milanese svetta grazie a diversi fattori d’eccellenza: dall’attrattiva che esercita su studenti di altre regioni e stranieri, al bassissimo tasso di dispersione scolastica (il 93% degli iscritti completa il ciclo di studi) fino alle grandi possibilità offerte in termini di esperienze internazionali. Il rapporto del Sole 24 Ore segnala, però, anche alcune difficoltà: concentrate in particolare nel numero di crediti acquisiti durante stage in azienda e nel numero delle borse di studio messe a disposizione. Comune alla Bocconi, alla Cattolica e ad altre Università private è la difficoltà ad avere un report attendibile riguardo la percentuale di studenti occupati a un anno dal conseguimento del titolo, dato ottenibile solo grazie alle rilevazione del consorzio AlmaLaurea cui tali atenei non hanno ancora aderito.
Per la Luiss, i valori aggiunti riguardano la percentuale di successo agli esami degli studenti, la possibilità di frequentar dottorati di altissimo livello e di ottenere finanziamenti da privati per i progetti di ricerca.
I migliori Atenei Privati

Milano Bocconi 86 punti
Roma Luiss 79 punti
Milano San Raffaele 78 punti
Bolzano 68 punti
Roma Campus Bio Medico 56 punti

Al di là dei dati positivi, la classifica registra una forte polarizzazione delle posizioni: se al top della graduatoria continuano a confermarsi alcuni Atenei particolarmente solidi (vedi Bologna e Padova tra le pubbliche; il San Raffaele tra le private), è anche vero che le Università meno competitive stentano a salire di livello e che nelle ultime posizioni continuano a concentrarsi Atenei del Mezzogiorno.
La top 10 della classifica generale:
top 10
A questo link le classifiche complete.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tribunale del Lavoro accoglie ricorso di un abilitato Tfa. Sarà inserito nel piano assunzioni della Buona Scuola

Next Article

La rassegna stampa di lunedì 20 luglio

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.